Cinemaz logo

Seven Swords (2005) di Tsui Hark

seven_swords.jpgTit. originale: Chat gim
Paese: Hong Kong/Corea del Sud/Cina

Tsui Hark rappresenta da solo una buona fetta (tra regie e produzioni) del cinema di Hong Kong degli ultimi 25 anni: nel 1995 pose una pietra miliare sul genere Wuxiapian con l'incredibile e definitivo "The Blade" ora grazie anche all'interesse (tardivo) del pubblico occidentale, il regista (forse) più talentuoso dell'ex colonia inglese torna con un film ricco di arti marziali e spadaccini eroici.

Cina, 1600. La dinastia Ching sale al potere e, tramite un editto imperiale, vieta l'uso delle arti marziali per prevenire tumulti e rivolte. Un'orda di militari-guerrieri, capeggiata dal violento Vento di fuoco, mette in pratica il bando imperiale con metodi brutali, compiendo razzie e distruzioni. Un unico villaggio si ribella all'ingiustizia, aiutato da un gruppo di sette valorosi spadaccini.

L'incipt del film è straordinario: un villaggio assediato, guerrieri in armatura nera, sangue, polvere, tecniche micidiali di combattimento; una carrellata-omaggio illustra le armi letali dei classici "Shaw Bros" degli anni '70 in cui primeggiavano scudi con lame retrattili, ghigliottine volanti, spade rotanti, ecc.

Basterebbero solo i primi cinque minuti di "[[Seven Swords]]", per capire che siamo di fronte a un grande film di arti marziali. La scelta di avere tra i protagonisti [[Liu Chia Liang]] non è casuale, egli è stato il più grande martial art director nel periodo d'oro del genere (gli anni '70), il suo è uno stile classico poco incline all'artifizio del wire-work e questo è ben visibile nelle coreografie del film che cura insieme a [[Stephen Tung Wei]] e [[Xiong Xinxin]], in cui sono il realismo e l'abilità acrobatica a farla da padrone. Forse è anche per questo che coloro che hanno apprezzato i roboanti e patinati "[[La tigre e il dragone]]" e "[[Hero]]" si trovano spiazzati.

"Seven Swords" sin dal titolo attinge a piene mani da "[[I sette samurai]]" di [[Akira Kurosawa]], ma si spinge anche verso inusuali atmosfere dark-fantasy alla "[[Conan il barbaro]]", che si traducono nel look aggressivo e inquietante dell'esercito di Vento di Fuoco, e frangenti che rimandano ai western occidentali, composti dai grandi spazi e corse selvagge a cavallo.

Il film è attraversato da molteplici pulsioni e simbolismi: si passa dal difficile rapporto tra i protagonisti, in particolare i personaggi di Donnie Yen ([[Chu Zao Nan]]) e la ragazza-schiava coreana (Perla verde in italiano), entrambi segnati da un passato violento e un'origine comune, all'arte delle spade e alla loro "spiritualità", che si completa con il valore interiore di chi le brandisce.

Quello che forse non riesce del tutto a [[Tsui Hark]] è il delineare pienamente il carattere dei personaggi protagonisti, alcuni sono solo abbozzati, persi nelle pieghe delle continue vicende che si intersecano, tanto che i migliori risultano, forse, i villains che hanno il ghigno demoniaco di Vento di Fuoco ([[Honglei Sun]])e il temibile sguardo ammaliante di Kualo ([[Jiajia Chan]]).

Prima di un finale anche troppo ordinario, aperto a un sequel (in realtà Tsui Hark ha creato una serie-tv ispirata al film), c'è spazio per una resa dei conti spettacolare e mozzafiato con un combattimento, stretto tra un corridoio delle mura del palazzo, che richiama il famoso scontro tra [[Donnie Yen]] e [[Jet Li]] in "[[Once upon a time in china II]]" dello stesso Tsui Hark.

Rating: 8/10

 

Pubblicato in Recensioni

Tags: Arti Marziali

Photo Gallery

The Last Witch Hunter - L'Ultimo Cacciatore di Streghe

The Last Witch Hunter - L'Ultimo Cacciatore di Streghe The Last Witch Hunter - L'Ultimo Cacciatore di Streghe The Last Witch Hunter - L'Ultimo Cacciatore di Streghe

Black Mass - L'Ultimo Gangster - Character Banner

Black Mass - L'Ultimo Gangster - Character Banner Black Mass - L'Ultimo Gangster - Character Banner Black Mass - L'Ultimo Gangster - Character Banner

La Street Art festeggia il compleanno di Snoopy

La Street Art festeggia il compleanno di Snoopy La Street Art festeggia il compleanno di Snoopy La Street Art festeggia il compleanno di Snoopy

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004 | Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+ Seguici su Facebook Seguici su Twitter SSL Certificate