• Recensioni

Fred Claus - dura la vita del fratello di Babbo Natale

Fred Claus - un fratello sotto l'albero
Vince Vaughn è il protagonista di questa commedia dolce-amara che racconta quanto possa essere difficile far parte della stessa famiglia di un 'santo'. Nel cast Paul Giamatti, Kevin Spacey, Kathy Bates, Rachel Weisz.
L'idea è geniale: raccontare la storia del fratello maggiore di Santa Claus, cioè di Babbo Natale. Naturalmente fin dalla sua nascita, la mamma ha preferito il secondo che poi è diventato 'santo' e si è preso in carico il compito di rendere felici i bambini di tutto il mondo. Fred invece se non proprio lo sfigato, è il casinista di casa, uno che ha vissuto tutta la vita con il complesso del fratellino 'santo' e che nasconde le sue ferite dietro un comportamento incline ai casini e a una certa durezza. Ecco in estrema sintesi il senso di Fred Claus - Un fratello sotto l'albero, un film di David Dobkin con un grande Vince Vaughn (che è intervenuto sui dialoghi) e un cast stellare con Paul Giamatti, uno degli attori più versatili e intensi della generazione dei quarantenni, nel ruolo di Santa Claus, Kevin Spacey, in quello del capo di una multinazionale che vuole ristrutturare il business dei regali, Kathy Bates, mamma Claus, Rachel Weisz, la fidanzata di Fred. L'azione si svolge ai giorni nostri anche se dal film apprendiamo che anche i familiari dei Santi hanno diritto all'immortalità. A parte il rapporto tra fratelli, il centro della vicenda è un affare andato storto di Fred che chiede aiuto al fratello il quale però ha bisogno di lui perché messo sotto pressione dall'evoluzione dei gusti dei bambini e da una corporation in vena di ristrutturazioni. Santa darà i soldi a Fred a patto che questi vada al Polo Nord ad aiutarlo, incaricandolo di stilare la lista dei buoni e dei cattivi. Probabilmente il senso del film è tutto nella scena che precede la partenza per il Polo: Fred va nella sede della Fratelli Anonimi, associazione che, sul modello degli alcolisti e dei narcotici anonimi, cura chi è affetto dalla sindrome del fratello bravo, famoso e di successo. La seduta si svolge insieme a Frank Stallone, Roger Clinton e Stephen Baldwin nei panni di se stessi. Vince Vaughn è un comico che sa essere divertente e patetico, con un fondo da giovane Holden. Paul Giamatti è invece bravissimo nel sembrare quello cui tutti chiedono troppo, il perfetto Babbo Natale della globalizzazione. Kevin Spacey è strepitoso nel ruolo dell'uomo della Corporation che affronta il tema dei regali di Natale come se si trattasse del business del petrolio o degli Hedge Funds, così come Kathy Bates-mamma Claus. Il film non è un capolavoro ma ha una sua profondità che deriva dal fatto che il tema è affrontato in modo paradossale ma serio. E non può sfuggire la frase che Santa rivolge al fratello complessato: Sei il miglior fratello maggiore che chiunque possa desiderare.
Paolo Biamonte

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter