• Recensioni

Elizabeth, the Golden Age. Bob Dylan ora è una regina

Elizabeth: the Golden Age
Cate Blanchett torna a interpretare Elisabetta 1° d'Inghilterra, in un film poco attento alla verità storica, che racconta lo scontro navale con la Spagna e la morte di Maria Stuarda in una cornice scenografica di grande magniloquenza.

Elizabeth, The Golden Age è il secondo film che vede la strepitosa Cate Blanchett nel ruolo della regina che ha segnato la storia del sedicesimo secolo. Il regista è di nuovo Shekhar Kapur, che ha confezionato un'opera a dir poco magniloquente, quasi soffocata dallo sfarzo di scene e costumi. Solo una grande attrice come la Blanchett può riuscire a emergere da una simile cornice scenografica. E, soprattutto, riuscire a convincere il pubblico che sia una regina. La scelta di fondo della sceneggiatura è di non rispettare la verità storica. I due principali nemici di Elisabetta sono cattolici: la sorella, Maria Stuarda, regina di Scozia, interpretata dalla brava Samantha Morton, e il re Filippo di Spagna, che mette in piedi la più grande flotta mai vista prima, l'Invincibile Armata, per invadere l'Inghilterra. Maria finisce al patibolo, l'Invincibile Armata distrutta. L'eroe del film è Sir Walter Raleigh, una sorta di personaggio alla Douglas Fairbanks jr., che Clive Owen interpreta con convinzione. E' lui l'unica debolezza della regina, che se ne invaghisce quando, tornato dall'America, le dice di aver chiamato Virginia un nuovo territorio, in omaggio alla verginità della sovrana, e le fa scoprire il tabacco, che Eilsabetta fumerà voluttuosamente. Quando Raleigh mette incinta la preferita tra le dame di compagnia della regina, Elisabetta diventa furiosa. Nella realtà Raleigh non ebbe alcun ruolo nello scontro navale. Nel film invece è il condottiero senza paura che decide la strategia, salta da una fune all'altra, combatte con la spada e si salva buttandosi in mare. Il film punta molto sugli aspetti romantici e sulle sequenze di battaglie navali, ma una delle scene più belle è la crisi di coscienza di Elisabetta dopo che ha mandato a morte la sorella Maria. Guardando Elizabeth, The Golden Age non si può non provare ammirazione per Cate Blanchett, capace di interpretare con la stessa disinvolta convinzione Bob Dylan e la regina d'Inghilterra. E di essere riuscita a non mettere fuori posto nemmeno un filo di quei costumi che sul set devono averle fatto passare un inferno.


Paolo Biamonte

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter