Cinemaz logo
  • Recensioni

La Bella e la Bestia

la bella e la bestiaVincent Cassel e Lea Seydoux sono i protagonisti di questo adattamento in stile hollywoodiano della fiaba di Madame de Villeneuve firmato da Cristophe Gans.

 

La Bella e la Bestia di Cristophe Gans è l'adattamento in una chiave che può ricordare Il Cacciatore di Giganti di una delle fiabe più celebri e riproposte della storia concepita da Madame de Villeneuve con evidenti richiami alla mitologia greco romana.

Qui Belle è la Lea Seyodux, la Bestia è invece Vincent Cassel. Come saprete la storia è ambientata nell'800, quando un mercante perde la sua fortuna quando le tre navi che utilizzava per i suoi commerci affondano. Con la famiglia lascia il palazzo di città e si trasferisce in campagna. Dei suoi tre figli maschi e delle tre figlie la preferita è la splendida Bella, sempre di buon umore. Una sera tornando a casa incontra una creatura ai confini di un regno magico che lo condanna a morte per il furto di una rosa. Ma Bella si sacrifica al suo posto e si offre alla Bestia andando a dimorare nel suo tenebroso castello.

   

 

la bella e la bestia

 

Col tempo si scoprirà che quell'essere mostruoso una volta era un principe da fiaba e che l'amore è in grado di sconfiggere qualunque ostacolo.

Da Jean Cocteau in poi abbondano gli adattamenti, musical compresi. Questo di Cristophe Gans cavalca un'estetica hollywoodiana, fa un gran uso di effetti speciali e punta molto sul fascino di Lea Seydoux, vincitrice della Palma d'oro a Cannes nel 2013 per Vita di Adele.

 

 Paolo Biamonte

 

{filmlink}9877{/filmlink}

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus