Cinemaz logo
  • Recensioni

Drift - Cavalca l'Onda

driftL'evoluzione del surf, da espressione della controcultura a fenomeno mainstream, raccontata attraverso le vicende di due fratelli nell'Australia degli anni '70. Con Sam Worthington.

Drift - Cavalca l'onda ha un presupposto interessante e un inizio bellissimo. Il presupposto è raccontare, basandosi su eventi reali e dal punto di vista dell'Australia, l'evoluzione del Surf a partire dagli anni '70 quando, da puro prodotto della controcultura, sfruttando le innovazioni tecnologiche, comincia a diventare un fenomeno mainstream.

Una vicenda questa, sia detto per inciso, raccontata in modo straordinario da Jeffrey Peralta nelle strepitoso docufilm Riding the Giants.

 

drift

L'ìnizio invece sorprende i due fratelli protagonisti all'alba della vicenda quando fuggono da un padre violento e cominciano a vivere il loro legame con il surf e le onde. E proprio attraverso le onde passiamo, dal bianco e nero del prologo al colore del racconto vero e proprio. 

Naturalmente c'è molto surf e ci sono molte onde ma non aspettatevi nè Un Mercoledì da Leoni nè Point Break, per capirsi.

Ben Nott e Morgan O'Neill, i due registi, preferiscono privilegiare l'aspetto culturale della storia che alla fine è la cronaca delle resistenze che le innovazioni tecnologiche, (i nuovi materiali, le dimensioni ridotte delle tavole, il design e le mute) incontrano rispetto alla voglia di conservazione dei tradizionalisti e anche di un pusher con cui i due fratelli hanno il loro da fare.

A rinforzare il cast Sam Worthington che con il suo fisicaccio fa naturalmente un figurone.

 

 

Paolo Biamonte

 

 {filmlink}9541{/filmlink}

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus