Cinemaz logo
  • Recensioni

Gli Stagisti

gli stagistiVince Vaughn e Owen Wilson sono due casinisti quarantenni che, rimasti senza lavoro, tentano di farsi assumere da Google. Dirige Shawn Levy, regista di Una notte al museo.

Torna la strana coppia Vince Vaughn-Owen Wilson, consolidata ditta specializzata in divertimento casinista e nel propagamento della sindrome di Peter Pan. 

Con Gli Stagisti si mettono al servizio di Shawn Levy, il regista di Una notte al museo, altro specialista del cazzeggio intelligente ma che non teme sconfinamenti, se l'obbiettivo è far ridere. 

gli stagisti

L'idea di partenza è decisamente attraente e attualissima: Vaughn e Wilson sono due quarantenni sciamannati che perdono il lavoro. Decidono di ripartire da zero e per questo partecipano a un workshop per aspiranti dipendenti di Google.

Naturalmente i due passano dalle dinamiche classiche che esistono tra chi è in rotta con le logiche del mercato tradizionale del lavoro, e finisce per strada, e il mondo di Internet, popolato da ventenni velocissimi e ambiziosissimi e che, ovviamente, non hanno alcuna voglia di entrare in contatto con due elementi così esterni al loro universo di riferimento.

Da un film così non ci si può aspettare un ritratto dall'interno di una delle aziende dominanti del mercato mondiali (e non solo il mercato).&

Piuttosto, a parte la promozione, Google nel film rappresenta semplicemente il simbolo di un nuovo modo di concepire il lavoro, sia dal punto di vista aziendale che individuale.

Insomma il pretesto ideale per aggiornare nel modo più efficace possibile il confronto tra generazioni.

 

Paolo Biamonte

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus