Cinemaz logo
  • Recensioni

Spring Breakers: divette capricciose su un Red Carpet da dimenticare

spring breakers redcarpetAltro che festa! Il Red Carpet organizzato a Roma per il lancio di Spring Breakers in uscita nelle sale il 7 marzo si è trasformato nel festival del capriccio da starlette, del sopruso da raccomandato della peggiore italietta con l'immancabile contributo dell'arroganza dei body guard che non perdono occasione per maltrattare ragazzini che hanno l'unica colpa di essere fan entusiasti e truffati.

Quanto alle presunte star,  Selena Gomez, Vanessa Hudgens, Rachel Korine, Ashley Benson c'è solo da augurarsi che un giorno qualcosa o qualcuno le farà tornare sulla Terra.

C'erano tantissimi fan per l'evento organizzato in modo sciagurato davanti al cinema Adriano di Roma venerdi 22 febbraio: alle 18.45 era previsto il Red Carpet delle quattro protagoniste, a seguire un Meet & Greet al quale avrebbero dovuto partecipare i dieci vincitori dei biglietti messi in palio da Team World.

I due personaggi più attesi dall'esercito di giovanissimi schierato fuori dal Cinema Adriano fin dalla mattina erano ovviamente Vanessa Hudgens e Selena Gomez: ex dive di Disney Channel ed eroine di tutte le ex-baby telespettatrici cresciute a pane e High School Musical + Maghi di Weaverly.

Purtroppo le cose sono andate nel modo peggiore: le presunte star si sono dimostrare simpatiche come un esattore di Equitalia: si sono presentate con oltre un'ora e mezza di ritardo e non hanno neanche percorso l'intero Red Carpet. Hanno firmato pochissimi autografi, concedendosi con grande distrazione per pochi scatti e sono fuggite all'interno del cinema, dove erano attese per il Meet & Greet, dimenticandosi (non sarà un po' presto?) che se sono su quel red carpet il merito è proprio di quei giovani che stavano la fuori ad aspettarli.

Manco fosse la principessa Leila, di fronte al malcontento dei fan accalcati al freddo da ore, Selena Gomez ha concesso di apparire per pochi centesimi di secondo da una finestra alla quale si è affacciata mostrando un cartello, prontamente passatole da qualcuno, dove era scitto "We Love You", senza neanche girarsi verso il pubblico adorante.

Ma non finisce qui, perché alla maleducazione di queste quattro ragazzotte, si è aggiunta l'arroganza dell'organizzazione.

 

spring breakers redcarpet

 

Il Meet & Greet era riservato ai vincitori del concorso. Ma tanto per dimostrare quanto poco tenessero in considerazione i fan e il concorso organizzato, in puro stile "Fiorito-Batman" i dieci vincitori sono stati scavalcati da un gruppetto di bambini e ragazzini "raccomandati e figli di" che sono riusciti per primi a incontrare le attrici per foto e autografi. Poi finalmente è toccato al primo gruppo dei cinque vincitori. Agli altri cinque invece è andata all'italiana: sono stati allontanati con grande brutalità dai body guard i quali, con il ben noto scrupolo e anche qualche frase di scherno, hanno fisicamente impedito che i cinque vincitori arrivassero a contatto con le quattro principessine da film dei Vanzina, ormai troppo stanche per parlare con cinque ragazzini adoranti.  

Questo è il link della testimonianza di una delle ragazze escluse che aveva invece regolarmente vinto il biglietto:

http://www.twitlonger.com/show/l4flsn

C'è solo da augurarsi che una cosa così capiti ai figli dei body guard che erano lì e, soprattuto, a quelli di chi ha organizzato questa incivile porcheria. Tanto incivile che la BIM, la distribuzione di Spring Breakers, si è vista costretta a diramare un comunicato di scuse che potrete leggere facendo clic qui!

 

Resta qualche speranza: la prima è che la moltitudine di fan di Roma non sarà al prossimo Red Carpet di queste ragazze. L'altra è che alla prossima anteprima mondana Selena Gomez, Vanessa Hudgens, Rachel Korine, Ashley Benson al posto di innocui ragazzini trovino il deserto.

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus