Cinemaz logo
  • Recensioni

Hostel, un apologo che fa paura

ImageRealizzato sotto l'egida di Quentin Tarantino, è il nuovo film di Eli Roth, regista di Cabin Fever che firma così la prima importante produzione horror del 2006. Un sogno che diventa incubo in una Bratislava che sembra la Transilvania dei film di vampiri degli anni '30.

Hostel è un film che per i fan dell'horror può diventare un classico. Realizzato sotto l'egida di Quentin Tarantino, il nuovo lavoro di Eli Roth dopo Cabin Fever ha tutte le carte in regola per soddisfare i gusti dello stesso pubblico che ama Romero e stravede per Saw e che non resteranno certo delusi dallo spaventoso campionario di uccisioni, mutilamenti, torture e mostruosità messi in scena da questa che è la prima importante produzione horror della nuova stagione, attesa con impazienza dopo il successo formidabile riscosso dal genere nel 2005.
Hostel è la storia di un sogno che si trasforma in un incubo. Protagonisti due ragazzi americani compagni di college in vacanza in Europa con l'obiettivo di andare ad Amsterdam per trascorrere qualche giorno di sbornie, canne e sesso facile in compagnia di un coetaneo islandese conosciuto durante il viaggio. Una volta giunti alla meta, sentono dire che a Bratislava, in Slovacchia, le donne fanno follie per i ragazzi americani. Gli sventurati si lasciano convincere e si ritrovano in un posto che sembra in tutto e per tutto la Transilvania dei film di Vampiri degli anni '30 con la sola differenza che al posto di Dracula e dei suoi accoliti c'e' un'organizzazione che uccide le sue vittime per alimentare una sorta di business del divertimento basato sulla morte violenta di gente innocente.
Secondo quanto ha raccontato lo stesso Roth, l'idea per questa organizzazione viene dalla storia vera di una societa' che attraverso Internet permetteva ai clienti di ottenere la morte di qualsiasi persona pagando 10 mila dollari. Sotto diversi punti di vista Hostel aggiorna e a tratti rinnova il linguaggio di genere sfruttando però un espediente classico dell'horror, che per esistere ha bisogno di personaggi totalmente inconsapevoli dei rischi e dei pericoli nascosti dietro certe situazioni. Come per esempio i tre ragazzi del film: chi non avrebbe fiutato la fregatura di fronte al primo plateale incontro con Miss Slovacchia e la sua amica? c'è un'altra domanda ancora senza risposta: perchè accade tutto questo? Per denaro, l'organizzazione uccide e massacra per denaro. Per scoprire l'arcano e' necessario compiere un viaggio nell'incubo. Per scoprire che Hostel è un apologo sui devastanti effetti di una società la cui unica legge è la sete di guadagno.
Paolo Biamonte

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus