Cinemaz logo
  • Recensioni

Il Sogno del Drago

i racconti di terramare I racconti di Terramare diretto da Goro Miyazaki che a quarant'anni si libera dell'ingombrante tutela paterna (il grande Hayao) e debutta nell'animazione con una storia fantasy: un mondo sull'orlo della distruzione, maghi, draghi, cattivi ossessionati dall'eterna giovinezza. L'autore si rifa' ai colori e alla fisionomia dei personaggi degli Anime Anni '70. Il film e' tratto dalla saga La leggenda di Earthsea dell'americana Ursula K. Le Guin (Ed. Nord). La scrittrice ha rivelato che Hayao Miyazaki le aveva gia' scritto vent'anni fa per portare al cinema la sua trilogia.
Il film d'animazione I racconti di Terramare di Goro Miyazaki e' stato presentato fuori concorso alla 63 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Una saga con principi, arcimaghi, draghi e duelli. Il mondo di Terramare sta perdendo il suo equilibrio. Il grande mago Ged intraprende un viaggio per cercare la causa della rovina. Da ragazzo Ged era un pastore impetuoso e arrogante; ora e' un uomo maturo ed e' il più grande dei maghi. Nel corso dei suoi viaggi, incontra Arren, Principe di Enland, perseguitato da una misteriosa 'ombra', la forza disastrosa che sta distruggendo l’equilibrio del mondo e sta facendo impazzire la gente. Arren e' molto simile a Ged da ragazzo. I due hanno viaggiato sino alla vallata, attraversando montagne e molte rovine deserte: ovunque, i contadini hanno abbandonato i loro campi. I due arrivano a Hort Town, la citta' principale; qui le strade sono gremite di gente, ma gli artigiani hanno dimenticato le loro arti, gli oggetti in vendita sono tutti falsi, gli schiavi vengono venduti, le strade sono piene di gente dipendente da una strada sostanza, chiamata 'hazia'. Sembra che tutto accada senza uno scopo preciso. Lo sguardo della gente e' fisso sui sogni o sulla morte, di certo rivolto a un mondo lontano. Nel corso della loro ricerca, i due si fermano da Tenar, una vecchia amica di Ged che, da ragazza, era una sacerdotessa a guardia delle Tombe di Atuan. A casa di Tenar vive Therru, una ragazzina il cui viso e' deturpato dal fuoco. Abbandonata in passato dai genitori, Therru evita in tutti i modi Arren, percependo in lui una parte oscura e pericolosa. Dal canto suo, Arren passa i giorni lavorando nei campi e immergendosi nella natura, istruito e guidato dal fidato Ged. Ged riesce a scoprire la causa del disequilibrio del mondo: un mago di nome Aracne ha aperto la porta tra il mondo dei vivi e quello dei morti. Quest’uomo e' in realta' una vecchia conoscenza di Ged, avendo avuto con lui in passato un terribile scontro, da cui era uscito vincitore e per cui gli era stata giurata eterna vendetta. Temendo di non riuscire a controllare il suo lato violento, Arren decide di lasciare la casa di Tenar e, dopo lunghe traversie, arriva al castello di Aracne. Il ragazzo, la cui paura per la misteriosa ombra e' giunta a una crisi risolutiva, prende dell’hazia e perde i sensi, svelando suo malgrado ad Aracne la sue vera identita' e cadendo per questo suo prigioniero. Con l’aiuto di Ged e Therru, Arren riesce a riprendere i sensi, e una volta superata la tentazione di ottenere la vita eterna, sguaina la spada forgiata da poteri magici e affronta il nemico. Una battaglia epica sta per avere inizio...

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus