• Recensioni

Kung Fu Panda 2 (2011)

Kung Fu Panda 2Novità noleggio!
La seconda spettacolare avventura del simpatico eroe delle arti marziali Po, il panda conosciuto come il Guerriero Dragone.

Antica Cina, il pasciuto Po insieme ai fidati amici detti i "cinque cicloni" veglia sulle placide terre della Valle della Pace. L'armonia é presto spezzata da una nuova minaccia portata dall'ambizioso Lord Shen, un temibile pavone avido di potere che, grazie a una nuova arma, ha eliminato alcuni valorosi guerrieri. Il maestro Shifu dopo avere indicato la via della Pace Interiore spinge Po e i suoi scudieri a lanciarsi contro Lord Chen.

Ripetersi è sempre difficile ma "Kung Fu Panda 2" riesce nell'impresa di replicare il successo del primo capitolo e ad assestarsi tra i migliori film d'animazione degli ultimi anni. La Dreamworks Animation combatte a distanza un duello con i rivali della Pixar e mostra le unghie di un panda gigante capace di incredibili colpi di kung fu, un eroe ormai conosciuto presso il grosso pubblico: il buffo Po. La nuova avventura  non delude e immerge nei sapori fantasy dell'Antica Cina popolata da animali parlanti e dove (per fortuna) l'uomo non è previsto, senza fare mancare le caratteristiche e scatenate evoluzioni dei suoi protagonisti, alle prese con inseguimenti e combattimenti continui. Un film per bambini quanto si vuole che strizza l'occhio ai più grandicelli curato in ogni particolare, dal montaggio alla colonna sonora, che prevede investimenti che ben pochi possono permettersi: la pellicola è costata ben 150 milioni di $. Il risultato è un delizioso film d'animazione digitale che scivola senza mai un intoppo, se si vuole essere critici per forza si può dire che è un film poco o nulla coraggioso e ripropone situazioni (già) viste sin dagli albori del cinema. Ma questo lo si dice(va) anche per quel capolavoro di "Avatar".

Kung Fu Panda 2

Il personaggio Po se non lo conosci ti travolge, nella versione italiana al doppiaggio abbiamo Fabio Volo, non è certo il Jack Black originale perfetto anche per aderenza fisica, ma è difficile non venire conquistati dalla carica bonaria del gigantesco e cucciolone Po. Questa volta vengono svelati alcuni retroscena del passato dell'eroe, in particolare le sue origini, momenti anche drammatici ma sempre stemperati dalla risata e confronti esilaranti con i suoi amici animali che ritornano praticamente tutti dal capitolo precedente. Ritroviamo il padre di Po, il papero che serve spaghetti nel ristorante in cui è cresciuto il futuro Guerriero Dragone, appare poco ma non si dimentica e insieme al "figlio" è protagonista dei momenti più toccanti. Come si può definire se non un (mezzo)miracolo la sorpresa di trovarsi commossi per l'affetto tra un papero e un panda gigante(!), in "Kung Fu Panda" succede, con leggerezza e sempre con stile. Per inquadrare i diversi flash-back dell'infanzia di Po vengono usate animazioni in 2D, sembrano di un lontano passato ma erano prassi comune sino a pochi anni addietro.

Ritornano anche i "5 cicloni" ricalcati sulle tecniche del kung fu, a sua volta ispirato ai movimenti degli animali, abbiamo cosi il piacere di (ri)vedere Tigre, Gru, Vipera, Scimmia e Mantide impegnati a turno in funamboliche sortite che sfruttano appieno le loro (letali) caratteristiche. Gli amanti del cinema di kung fu anni 70, una sparuta minoranza (?), non possono fare a meno di notare i rimandi sparsi inseriti in "Kung Fu Panda 2" e rimasticati per una platea che forse non ha mai sentito parlare di stili di combattimento fantasiosi, senza contare i clichés tipici dei film di arti marziali di cui la trama trabocca. "Kung Fu Panda 2" sfrutta il mondo irreale dell'animazione per costruire incredibili e gigantesche sequenze d'azione, tutto è possibile e fatto con una fluidità e senso dello spettacolo sempre più coinvolgente ed elaborato (la lunga scena in città). L'animazione è ottima e la fotografia smagliante, con una predisposizione per i colori rossi, come la tinta a forma di occhio presente nel piumaggio di Lord Shen, il cattivo del film che con un piccolo colpo di genio ha le fattezze di un pavone(!).

La convincente caratterizzazione dei personaggi riguarda anche quelli secondari, da ricordare la divertente capretta veggente, merito anche per i doppiatori italiani tra i quali Francesca Fiorentini nota per prestare la voce a Milla Jovovich che si occupa della fredda e saggia Tigre,  Francesco Pannofino ormai famoso per essere il doppiatore ufficiale di Clooney è Maestro Bue Infuriato, mentre Massimo Lodolo, erano sue le parole taglienti del Merovingio della serie "Matrix", conferisce la subdola alterità di Lord Shen. In "Kung Fu Panda 2" confluiscono tante influenze e citazioni senza mai apparire fuori posto, la saga di "Guerre Stellasri" si riconosce nel vecchio maestro Shifu, lo Yoda dell'antica Cina, in una delle tante gag Po si concede un'entrata alla "Terminator 2" sopra un nastro trasportatore, in un altro momento di pura anarchia viene omaggiato il videogame "Pac Man" nel corso di un inseguimento nelle strade cittadine. Il film è diretto da Jennifer Yuh, la prima regista donna ad avere messo piede in una grossa produzione di animazione. Grazie anche alla spinta delle sale in 3D "Kung Fu Panda 2" ha superato negli incassi il precedente episodio: 665 milioni di $. Da non perdere.

Tit. Originale: "Kung Fu Panda 2"
Paese: USA
Rating: 8/10

 

Pubblicato in Recensioni

Tags: Action

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter