• Recensioni

Clash (2009)

ClashAzione e arti marziali dal Vietnam.
La bella Thrin ha messo in piedi una squadra di mercenari per rubare una valigetta, una missione che deve compiere per ottenere il rilascio della figlia tenuta prigioniera.

Tra gli uomini reclutati da Thrin c'è anche il silenzioso Quan, un agente sotto copertura che vuole incastrare la pericolosa organizzazione.

Un action prodotto in Vietnam non capita tutti i giorni, come è facile intuire vengono prese a modello le vicine scuole del cinema di Hong Kong (citato anche in un dialogo) e Thailandia, la mente grigia dietro al progetto è Johnny Nguyen che scrive la sceneggiatura pretestuosa e compare come attore protagonista nel ruolo di Quan/Tiger, l'attore si è fatto un nome anche a Hollywood come apprezzato stuntman per diversi blockbuster ("Spiderman 2", "Jarhead",  "X-Men L'inizio"). Come si diceva la storia è (quasi) nulla per favorire un climax che si può definire romantico spezzato di continuo da furibonde scene d'azione, in cui Johnny Nguyen sfodera diversi colpi sorprendenti di arti marziali, il film è tutt'altro che perfetto e sbanda in diverse riprese ma da subito mette in mostra la carta vincente: la bellissima Thrin/Phoenix di Veronica NGO Thanh Van. "Clash" si regge sulla coppia Thrin/Quan, oltre a essere due attori avvenenti dimostrano una particolare predisposizione fuori dal comune per le scene di combattimento, quanto basta per rendere piacevole la visione.

 

Clash

Il film parte con un temerario rap-hip-pop vietnamita(!) e la presentazione di alcuni brutti ceffi che vanno a formare la squadra di Thrin, si intuisce una citazione a "Le Iene" quando uno dei membri rifiuta il nome in codice affibbiatogli perché ritenuto troppo ridicolo, si tratta del buffone del gruppo, quello meno bello a cui sono designate le gag della pellicola. Per il resto la scena è catalizzata da Thrin, bella da morire, una modella con le doti di un'artista marziale (viene in mente la Jovovich come paragone), viso incantevole, alta, e dai movimenti fulminei e di perfetta coordinazione. Le scene d'azione sono in gran parte arti marziali e corpo a corpo senza computer grafica o wire work, ricordano i film più recenti di Donnie Yen (che rimangono una spanna sopra), e mischiano varie tecniche tra prese brutali, calci volanti, ginocchiate e gomitate, come nei più violenti film tailandesi. In "Clash" a fare tutto questo è una ragazza splendida, un personaggio che ha un passato triste di prostituta e un presente costretto ai servigi di un malvagio criminale che tiene in ostaggio la figlia.

In "Clash" si alternano gli incontri, anche in flash-back, di Thrin e il suo aguzzino sempre vestito di bianco che può ricordare i villain malati di Simon Yam ("Full Contact"), mentre in corso si svolge l'operazione di trafugamento di una valigetta contente un prezioso computer portatile, in realtà si tratta del "MacGuffin" della pellicola, un pò come la valigetta di "Pulp Fiction", poco importa il suo contenuto, che passa di mano sino a un'organizzazione criminale di francesi tutti pelati e palestrati (ma perché?), un retaggio forse della dolorosa occupazione francese in Vietnam. Una buona scusa per imbastire una sortita all'interno di una villa e darsele di santa ragione, gli scontri sono molto fisici, e abbondano le sparatorie sin dalle prime scene, il problema è che la gente si spara a pochi metri di distanza senza quasi mai colpirsi, la regia di Le Thanh Son in questo caso risulta poco limpida e il montaggio incerto, va meglio quando si tratta di fare vedere duelli all'arma bianca.

Johnny Nguyen ha capito tutto e ha scritto diverse scene che prevedono incontri (molto) ravvicinati con la bella Thrin, arriva pure un'insolita scena in cui ballano un Tango (!?), e l'inevitabile attrazione fisica funestata dalle motivazioni opposte che si agitano nei loro pensieri, il procedere è tutto molto scontato tranne per il finale che invece non si chiude affatto come uno crede. Film molto interessante, con almeno una scena di triplo calcio volante da incorniciare di Johnny Nguyen e la (ri)scoperta di una vedette del cinema d'azione che può fare stragi di cuori. La coppia speciale aveva già un precedente all'attivo, "Rebel" del 2007, negli ultimi tempi invece entrambi hanno assunto un basso profilo, peccato.

Tit. Originale: "Bay Rong"
Paese: Vietnam
Rating: 7/10

 

Pubblicato in Recensioni

Tags: Arti Marziali

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter