• Recensioni

This Must Be the Place

This Must Be the Place

Nel nuovo film di Paolo Sorrentino Sean Penn è Cheyenne, un'ex star del Dark che vive lontano dalle scene e che, alla morte del padre, si mette alla ricerca del carnefice nazista che tormentava il genitore nel campo di concentramento. Con Frances McDormand e Harry Dean Stanton.

Si sa che Paolo Sorrentino è un regista che ha un fortissimo legame con la musica. Non per niente This Must Be the Place è un titolo preso a prestito dai Talking Heads e David Byrne, che recita nel film, e non a caso, Sean Penn, lo straordinario protagonista, interpreta un ormai fotografatissimo personaggio il cui look è modellato su quello del primo Robert Smith, quando i Cure di Pornography erano gli alfieri del Dark.

E un ex stella del Dark è Cheyenne, il personaggio principale della storia. Cheyenne si è ritirato dalla scene da vent'anni e vive a Dublino un'agiata esistenza di pensionato volontario costantemente sull'orlo della depressione. Nonostante la lontananza dalle scene continua a truccarsi e vestirsi come ai tempi in cui era una rockstar.

This Must Be the Place

Un uomo in bilico, che parla, vive e si muove secondo ritmi e percorsi diversi da quelli del mondo che gli sta intorno e che, dentro, si porta qualcosa di irrisolto. La morte del padre, con il quale non aveva più rapporti, lo spinge a tornare a New York. Qui scopre che il genitore, ebreo, aveva un'ossessione: trovare il criminale nazista che lo umiliava quando era prigioniero del campo di concentramento e che viveva negli Stati Uniti al riparo di una falsa identità. Comincia così un viaggio attraverso gli Stati Uniti che è inevitabilmente un road movie ma non un vero e proprio viaggio alla scoperta di se stesso: "non cerco me stesso, sono in New Mexico, non in India" dice Cheyenne.

L'incontro con il carnefice sarà anche una sorta di riscoperta della figura paterna che aveva abbandonato e al tempo stesso, una sorta di scioglimento degli irrisolti di quell'infanzia che, sotto il look dark, lo tiene ancora imprigionato. Sean Penn è ancora una volta straordinario, da' a Cheyenne una grande ricchezza di connotati, tenendo in equilibrio gli aspetti caricaturali del look e la complessità interiore di un personaggio che si porta dentro un mondo irrisolto.

Accanto a lui ci sono attori straordinari a cominciare da Frances McDormand e dal grande Harry Dean Stanton.

Paolo Biamonte

{filmlink}8567{/filmlink}

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter