Cinemaz logo
  • Recensioni

Scrivimi una canzone e Hugh Grant diventa Simon Le Bon

Image
L'attore inglese in una commedia che ripercorre la stagione dei Duran Duran attraverso un divo dell'epoca in disarmo convinto da una strana ragazza a scrivere di nuovo una canzone di successo. Drew Barrymore protagonista femminile.
Dopo che Ray ha inaugurato una stagione di grande successo per i biopic musicali, era inevitabile che prima o poi sul grande schermo arrivasse anche l'era dei New Romantic, di Duran Duran, Spandau Ballett e Wham! Gli anni '80 sono stati una catastrofe per la creativita' musicale ma restano comunque la stagione dorata della giovinezza per chi oggi ha tra i 40 e i 50 anni. Come Hugh Grant, l'attore perfetto per Scrivimi una canzone (il titolo originale e' Music and Lyrics) che, per l'appunto, racconta la storia di un divo di quella stagione ormai relegato ai circuiti scolastici che, grazie all'inaspettato aiuto di una strana ragazza, torna a scrivere una canzone di successo.
Il modello per niente nascosto e' Simon Le Bon, ma il film si diverte platealmente a parodiare video, moda, acconciature, canzoni di quella stagione dove il look e una bella faccia contavano molto piu' delle note.
Un ruolo cosi' e' semplicemente perfetto per Hugh Grant che, per sua ammissione, nella vita reale canta con la grazia di un citofono, ma ha vissuto da ventenne la Duran Duran mania e con la parrucca e le mossette alla Simon Le Bon e' irresistibile. HughGrant e' in modo sempre piu' convincente l'erede di un altro Grant, Cary che, come lui, in sostanza ha interpretato per tutta la vita lo stesso ruolo. Solo che Cary Grant lo faceva al servizio di registi come Howard Hawks o Alfred Hitchcock.
La protagonista femminile di Scrivimi una canzone e' Drew Barrymore, nel ruolo di una strana ragazza che va a cercare l'ex divo per aiutarlo a scrivere un brano di successo dopo che una cantante per teen ager ha avuto un hit con un suo vecchio brano. E' inutile dire che tra i due si instaura quel rapporto che e' piu' di un'amicizia ma non proprio amore che nella vita reale e' un disastro ma nel cinema e' una manna. Per la cronaca la canzone che il duo scrivera' si intitola Way Back Into Love: il pezzo e' credibilissimo, scritto come gli altri della colonna sonora da Adam Schlesinger che fa con la musica la stessa operazione che Hugh Grant fa con il modello di Simon Le Bon pescando a piene mani nell'immaginario di Mtv che proprio nel periodo Duran Duran ha fatto la sua irruzione rivoluzionando il modo di consumare la musica.
Paolo Biamonte

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus