• Recensioni

Dylan Dog - Il Film (2010)

Indice articoli

Film: Dylan Dog

L'adattamento live action sulle gesta dell'indagatore dell'incubo creato dalla Bonelli. Dylan Dog vive a New Orleans e di professione fa l'investigatore privato.

Un nuovo caso di omicidio lo riporta nel passato quando indagava su strani eventi paranormali, la ragazza che lo ha contattato infatti sostiene che il padre sia stato ucciso da un mostro. Dylan, insieme al suo aiutante, inizia un'avventura nei luoghi più oscuri della città popolati da licantropi e vampiri.

Le premesse non erano buone per un film americano dedicato all'eroe dei fumetti Dylan Dog, vuoi per i nomi di poco conto coinvolti, vuoi per una diffidenza più che giustificata nei confronti dei soliti produttori americani pronti, come succede spesso, a stravolgere la materia originale. Il film di "Dylan Dog" si è rivelato un film brutto e inutile, che disonora la ricorrenza dei 25 anni di nascita del fumetto, ancora nelle edicole con dignitosi dati di vendita, un pasticcio degno della peggiore produzione americana che riesce a fare arrabbiare tutti, non solo i fan dell'indagatore dell'incubo, anche chi è in cerca di un horror senza troppe pretese e divertente rimane deluso. Si può infierire da qualsiasi punto di vista, il protagonista è Brandon Routh che non ricorda manco da lontano Rupert Everett, come noto l'attore inglese fu preso come modello per le fattezze del personaggio, su questo si può anche passare sopra, peccato che il ragazzo sia provvisto pure di una fissità degna di un manichino, sarebbe perfetto per un eventuale "Maschera di Cera 2", il fisique du role è calzante (!).

Al suo fianco non c'è la spalla Groucho, prevedibile visto i problemi di sfruttamento d'immagine del vero Groucho Marx, in compenso c'è un ragazzetto che quasi subito si trasforma in zombi, con pietosa scenetta all'obitorio da due soldi, per una serie di gag sul fatto che non si sente morto ripetute in lungo e in largo che dovrebbero fare ridere. La pellicola sceglie un approccio ironico, leggero che non si avvicina mai alle atmosfere dei racconti letti su carta, ma su questo fronte è meglio lasciare perdere visto che il fumetto è solo un pretesto, un richiamo svogliato, anche se questo dovrebbe fare riflettere la casa editrice Bonelli sulla concessione dei diritti, a dir poco avventata. "Dyaln Dog" sembra la puntata allungata di un telefilm (fantastico) della fine anni '90, con effetti speciali risibili e una violenza all'acqua di rose, ideale per un pre-serale, molte recensioni scomodano "Buffy" per descrivere le sensazioni della pellicola ma dimenticano che il serial di Whedon ha fatto la storia ai suoi tempi, qui invece siamo nella mancanza totale di idee, di talento, di tutto.

 

Pubblicato in Recensioni

Tags: Horror

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter