• Recensioni

Ninja Contro Alieni (2010)

Indice articoli

Film: Ninja Contro Alieni

Dal Giappone un pazzoide crossover action-horror.
Un manipolo di ninja nel corso di una missione scorge una meteora infuocata solcare i cieli. Si tratta di un oggetto proveniente dallo spazio, dal suo interno fuoriescono delle strane e sfuggenti creature.

I ninja sono incaricati di scoprire l'entità della minaccia, non tardano a farlo e a caro prezzo, visto che dei feroci alieni infestano la foresta con istinti assassini.

Un film con protagonisti i ninja è sempre ben venuto, a qualcuno è venuta anche l'idea di metterli a confronto di una progenie aliena e assassina. Sulla carta uno scenario suggestivo e folle, nella pratica una (mezza) delusione. "Ninja contro Alieni" segue la linea degli horror-jap eccessivi e splatter degli ultimi 10 anni, prodotti a basso costo, che possono sempre contare sulla curiosità del pubblico occidentale. I progressi dai tempi del seminale "Versus" però sono trascurabili, la mancanza di storie davvero appassionanti e personaggi forti, unita al concetto di non prendersi mai sul serio, comincia a diventare un limite serio. La pellicola è anche troppo scherzosa, ad emergere è il personaggio più buffo, un ninja incapace e codardo, sempre in mezzo a gags più o meno riuscite, una delle sue specialità è quella di tirare fuori da una sacca dei gadgets-arma che consegna ai compari, ben più coraggiosi e prestanti, una figura quasi immancabile in certe produzioni nipponiche, frequente da decenni anche nei manga, spesso corpulenta e goffa, una vera valvola di alleggerimento narrativo.

La regia di Seji Chiba confeziona un ibrido tra arti marziali e fantascienza minato da riempitivi imbarazzanti, l'incontro dei protagonisti con un trio di villici gay è allucinante, sempre al regista è da imputare il concept dell'alieno, un esplicito rimando a quello del primo "Alien", qui riproposto con il solito costume umanoide che lascia subito intuire la presenza degli stuntmen, un mostro dal make up gommoso fermo ai tokukatsu anni 70 (!!), integrato da alcuni effetti in computer grafica, come la coda rettile lanciata come una frusta. Piace l'attitudine a ricorrere il meno possibile ai moderni effetti speciali, anche se questo non basta a rendere più credibile la vicenda. Il contesto é il passato dell'epoca Sengoku, priva di veri riferimenti, quasi indistinta e rappresentata da costumi improbabili, futuristici, con richiami cyberpunk, i ninja mostrano delle tenute (quasi) hi-tech luccicanti, davvero stilose e ben fatte. Il prologo può fare scomodare dei paragoni con il recente "Goemon", ma si tratta solo di pochi secondi in green-screen e l'esplosione in computer grafica di un castello, poi si piomba subito nello scenario tipico dei low-budget nipponici: le verdi foreste del Giappone.

 

Pubblicato in Recensioni

Tags: Arti Marziali

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter