• Recensioni

The Man From Nowhere (2010)

Indice articoli

Film: The Man From Nowhere

L'heroic-bloodshed campione d'incassi (sud) coreano.

 

Cha Tae Sik è conosciuto come l'uomo del banco dei pegni, nel suo negozio trascorre un'esistenza isolata e schiva. L'unico punto di contatto con l'esterno è una bambina che viene a trovarlo ogni tanto, è la figlia di una ragazza madre schiava della droga e di un giro di criminali. Un giorno dei brutti ceffi lo attendono nel negozio, vogliono un oggetto che la madre della bambina ha lasciato, all'interno del quale si trova della sostanza stupefacente rubata dalla donna. Cha Tae Sik scopre che la bimba e la madre sono ostaggio dei criminali, il ragazzo non esita a dare dimostrazione delle sue abilità nascoste e abbatte gli scagnozzi. Questo non scompone una coppia di fratelli aspiranti gangster pronti a usarlo, con il ricatto, in una missione pericolosa.

Per chi ha nostalgia degli heroic-bloodshed di Hong Kong, sempre meno frequenti negli anni, e di un action-noir pieno di sparatorie e violenza è servito. Tocca ancora spendere lodi per il cinema ispirato della Corea del Sud, questa volta è un film ben delineato all'interno del genere che abbraccia infiniti rimandi al cinema della vendetta, in primis l'uomo all'apparenza umile e indifeso che diventa una macchina da guerra (Chang Cheh ha fatto la storia del cinema su questo, "La Mano Sinistra della Violenza"), sino ai canoni occidentali ultima maniera in stile "Io Vi Troverò", per la serie "hai preso la persona sbagliata, e adesso vi ammazzo tutti". All'apparenza un cinema semplice, in realtà gli elementi devono essere posizionati nella giusta prospettiva a partire dal protagonista che deve conferire tensione drammatica e una presenza tangibile. Sorprende quando si viene a sapere che si tratta di Won Bin, il ragazzo demente del capolavoro "Mother" (2009), qui trasformato anche nel fisico (palestrato), un eroe romantico e maledetto come in un film di Hong Kong primi anni 90. Un personaggio solitario quello di Cha Tae-Sik che nasconde un passato nelle forze speciali, un agente super addestrato in ogni tipo di combattimento ed armi.

"The Man From Nowhere" è quel tipo di film che carbura lentamente, la presenza di una bambina da difendere inoltre può fare pensare anche al "Leon" di Besson, la violenza è proporzionale alla durata della pellicola, il finale non a caso è una carneficina e forse anche il momento più celebrato, almeno in patria dove gli incassi sono stati impressionanti, mentre in Italia continua il colpevole ritardo a riguardo il cinema asiatico. La trama ha dei risvolti interessanti, ritarda il più possibile gli aspetti a riguardo il passato del protagonista, legati a un doloroso flash-back davvero cattivo se non tremendo, nella prima parte l'eroe è in balia dei criminali che lo utilizzano in un confronto tra gang rivali, mentre si delinea un odioso traffico di droga sviluppato con l'utilizzo di bambini come corrieri (e non solo), sino al traffico di organi (umani) vero e proprio. La piccola interpretata da Kim Sae Ron, diciamolo pure molto brava, si vede soprattutto a inizio pellicola ed è quasi impossibile non commuoversi per il disagio (sociale) e di abbandono in cui vive, l'ideale vittima per una gang senza scrupoli.

Pubblicato in Recensioni

Tags: Action

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter