Cinemaz logo
  • Recensioni

4 Mosche di Velluto Grigio (1971)

Film: 4 Mosche di velluto grigio

Uno dei primi giallo-thriller di Dario Argento.

 

Il musicista Roberto Tobias affronta uno strano tizio che lo pedina come un'ombra, dopo un breve inseguimento tra i due nasce una colluttazione che finisce con la morte dello sconosciuto. Roberto nasconde l'accaduto alla polizia, qualcuno però era presente sul luogo del delitto e ora lo perseguita con messaggi e furtive intrusioni in casa. Roberto non capisce la situazione in cui si è cacciato decide quindi di rivolgersi a degli amici fidati.

Il film si colloca come ultimo nella trilogia detta "degli animali", dopo "L'uccello dalle Piume di Cristallo" e "Il Gatto a Nove Code", Argento ha sempre un controllo totale sull'intero progetto e si vede, sembra un trip personale di paure e ossessioni, un tassello fondamentale verso il successivo, straordinario "Profondo Rosso" (1975). Il protagonista, Michael Brandon, è stato scelto per la somiglianza con il regista, magro e con i capelli lunghi, un personaggio costretto a misurarsi con una paura generata da un'indefinibile minaccia, egli stesso ha causato la morte di un uomo ma allo stesso tempo misteriosi omicidi si verificano intorno alla sua persona. La prerogativa dei gialli argentiani, e non solo, è la celata identità dell'assassino che assume in questo caso sfuggenti rappresentazioni, la più inquietante delle quali è una figura con la maschera di un bambino (?), il preludio all'inquietante manichino meccanico di "Profondo Rosso, sbucata all'improvviso all'interno di un teatro deserto, altro luogo caro al regista utilizzato in seguito in diverse occasioni (da "Profondo Rosso" a "Opera").

Sin dalle prime immagini Argento sperimenta ardite tecniche di ripresa, nella prima jam session della band vi è la visuale posizionata dall'interno di una chitarra, assolutamente inutile ma sintomatica del virtuosismo del regista che impone il suo stile in tutte le sequenze, curate con maniacale precisione. Il body count è molto contenuto e nemmeno troppo sanguinolento, a parte l'omicidio nei bagni, sono tutti momenti di grande tensione elaborati dalla mano del regista con proverbiale senso dei tempi e del montaggio, tutto quello che Argento non riesce più a fare da 20 anni a questa parte in "4 Mosche di Velluto Grigio" risalta con eleganza, alcuni oggetti usati per uccidere sono lanciati con soggettive che si infrangono sui corpi delle vittime con impatti brutali, una vera immersione nella cattiveria e lo spettacolo della violenza. Uno degli omicidi si svolge in un labirinto di siepi, all'interno di un parco pubblico, piombato nel buio della sera e dilatato in una forma mostruosa, quasi vivente, tramite inquadrature angoscianti che restringono gli angoli e le traiettorie che sembrano soffocare la vittima. Verso il finale salta fuori una pistola, la sparatoria conseguente è ripresa con una pallottola che viaggia al rallentatore, il primo bullet-time della storia?

 

Pubblicato in Recensioni

Tags: Horror

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus