• Recensioni

Dead Snow (2009)

Film: Dead Snow

Zombi-nazi dalla innevata Norvegia.

 

 

Un gruppo di studenti raggiunge uno sperduto casolare di un'impervia regione coperta dalla neve. I ragazzi si apprestano a trascorrere un'insolita vacanza, immersi nella gelida natura, intanto Sara, la proprietaria della casa, non si è ancora fatta viva, il fidanzato Vegard minimizza il ritardo della giovane ma comincia con il passare delle ore a essere perplesso. A portare ulteriore scompiglio è l'arrivo di un solitario escursionista che, nel cuore della notte, racconta una storia di morte e violenza legata al territorio, risalente alla seconda guerra mondiale durante l'occupazione dei nazisti.

Dalla Norvegia un piccolo ritorno di fiamma per gli zombi-nazi al cinema, i primi vengono fatti risalire al delizioso b-horror "L'Occhio del Triangolo" (1977), che seguono quelli visti nell'inglese "Outpost" (2008) e denotano l'ulteriore vitalità del filone zombi che, a partire da "Resident Evil" (2002), conosce la sua stagione più fiorente e di successo, ancora lontana dall'esaurirsi. "Dead Snow" racchiude bene nel titolo le prerogative principali della pellicola, tanta neve schizzata di sangue e pregna di morte, anche se il piatto forte sono gli zombi con le divise delle SS, un concentrato simbolico del male puro basato sulla reale occupazione delle truppe del Terzo Reich in Scandinavia: nei mesi tra aprile e giugno del 1940 in Norvegia vi furono i primi scontri terrestri tra alleati e nazisti con grave coinvolgimento delle popolazioni civili.

Il triste passato viene comunque virato in un contesto fantastico, quasi leggendario, per mezzo del racconto di un misterioso viaggiatore che incontra i protagonisti nel casolare, i quali apprendono della rivolta degli abitanti della zona contro i nazisti, massacrati e costretti in fuga verso una lenta morte nelle braccia del gelo polare, da allora, si dice, sull'intero territorio grava la maledizione del generale SS Herzog (in onore al regista Werner? può darsi) e dei suoi uomini.

"Dead Snow" è ben confezionato dal punto di vista tecnico, girato in situazioni davvero impervie, tra bufere di neve e temperature proibitive, i norvegesi però giocano in casa, la troupe a cominciare dal regista Tommy Wikola conosce bene le insidie climatiche di quelle parti e le sfrutta per le migliori scene del film. "Dead Snow" ha però il limite di essere (troppo) derivativo e citazionista nei confronti dell'ormai lontano e inflazionato horror anni 80, non è difficile comprendere già dalle prime immagini che "La Casa" (1981) di Sam Raimi è il film di riferimento principale, del resto i protagonisti vivono la stessa avventura, al posto delle forze del male nascoste nel bosco qui compaiono zombi assassini, uno dei ragazzi inoltre si fregia della maglietta di "Braindead" (1992) di Jackson, il secondo grande totem a cui Wikola guarda con riverenza. Vi sono quindi scontati intermezzi tra ragazzi e ragazze, non mancano mai (notare) il nerd e la disinibita di turno, in ritratti piuttosto piatti, se qualcuno è in cerca del nuovo Bruce Campbell, l'eroe Ash della saga "Evil Dead", poi rimane deluso.

 

Pubblicato in Recensioni

Tags: Horror

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter