• Recensioni

Source Code - Otto minuti per cambiare il passato

Film: Source Code

Jake Gyllenhaal è il protagonista di questo film che mescola fantascienza e action e racconta di un complicato progetto scientifico che permette di viaggiare a ritroso nel tempo. Con Michelle Monaghan e Vera Farmiga.

 

Source Code è un originale film di fantascienza basato su una rielaborazione in chiave drammatica e spettacolare dell’idea di base di Ricomincio da Capo, la commedia-gioiello di Harold Ramis in cui Bill Murray si sveglia sempre nello stesso giorno e così può cambiare il passato.

Solo che mentre lì Bill Murray salvava una vecchietta che a un incrocio rischiava di essere investita da un’auto e tramava per conquistare il cuore di Andie MacDowell, qui il capitano Colter Stevens-Jake Gyllenhaal se la vede con un treno che esplode, con un sanguinoso piano terroristico e un complicatissimo progetto scientifico che permette di cogliere l’ultima immagine rimasta nell’occhio di un killer (ricordate Quattro Mosche di Velluto Grigio di Dario Argento?) e consente dunque di intervenire sul passato. Con la non risibile implicazione che il tempo massimo a disposizione è otto minuti e quando si tratta di disattivare un’azione che mira a distruggere mezza Chicago c’è poco da prendersela comoda.

Come se non bastasse, per compiere queste imprese leggendarie si ma tutt’altro che agevoli, il capitano si ritrova ad assumere identità e sembianze di altre persone: tipo che si guarda allo specchio e non ha la minima idea di chi sia il proprietario della faccia riflessa.

Film: Source Code

Per sua fortuna di mezzo ci sono la scienziata Christina, l’incantevole Michelle Monaghan che rappresenterà la giusta ricompensa per tutti i casini e i problemi di identità che dovrà affrontare capitan Stevens e la grintosissima soldatessa-Vera Farmiga che impartisce ordini da un monitor ed è la voce e il volto di un progettone scientifico, il Source Code del titolo.

Film come questo chiedono la complicità dello spettatore e, soprattutto, di non star li troppo a impuntarsi con la verosimiglianza. E’ un po’ il nuovo corso della fantascienza cinematografica che punta sulle implicazioni, le libere associazioni e le connessioni psicoanalitiche. Con una grande dose di azione, ovviamente. Da lassù Philip Dick se la ride sornione.

Paolo Biamonte

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter