• Recensioni

Il Corvo (1994)

Film: Il Corvo

Il fatale cinecomix horror che ha spezzato la vita del protagonista Brandon Lee.

 

La città è in mano al crimine, a farne le spese anche il cantante Eric Draven e la sua fidanzata, uccisi dopo una violenta aggressione per mano di balordi. Qualcosa però rianima il giovane Eric, un anno dopo la sua morte risorge con il cuore carico di odio e dolore, accompagnato da un inseparabile corvo e spinto dalla sete di vendetta si mette in cerca degli assassini che hanno distrutto la sua vita. In città intanto si avvicina la "notte del diavolo", il momento in cui il crimine organizzato inscena un susseguirsi di incendi per spargere il terrore e consolidare il dominio. Oltre a essere uno dei film simbolo degli anni 90 "Il Corvo" si può considerare il primo vero cinecomix (post)moderno, assorbita la lezione dei seminali "Batman" di Tim Burton il film di Alex Proyas se ne distacca, innervando l'impalcatura narrativa con un'inedita carica action, da individuare nell'emergente cinema di Hong Kong del periodo che stava per plasmare il cinema d'azione in maniera definitiva, un'opera sperimentale, dai toni dark, che ha preparato a sua volta il terreno per i successivi "Blade" (1998) e "Matrix"(1999). Buona parte del clamore intorno a "Il Corvo" proviene però dal tragico destino del suo protagonista, Brandon Lee figlio del mitico Bruce Lee, morto per un assurdo incidente negli ultimi giorni di riprese.

Brandon Lee viene colpito da una pallottola in una delle tante sequenze di scontri a fuoco rivolti alla sua persona, egli interpreta il ritornante Eric, immune alle ferite e con un potere rigenerante, si tratta in poche parole di uno zombie con un'anima (lacerata): una carica inesplosa, rimasta nella canna di una pistola predisposta per sparare a salve, ha prodotto la tragedia. Ai tempi Brandon Lee, è (era) una star di secondo piano, lo stesso si può dire dell'intera produzione del film, l'incredibile incidente mortale coincide con la notorietà mondiale e il consenso unanime della critica che vede nella prova dello sfortunato attore la degna idealizzazione dell'eroe romantico Eric, segnato dalla violenza e la morte, nel tragico parallelo con la vita reale, Brandon Lee infatti era in procinto di sposarsi con la sua compagna. Inoltre i collegamenti con la prematura e misteriosa morte del padre, Bruce Lee, hanno scatenato speculazioni, spesso fantasiose, intorno alla maledizione che accompagna la famiglia Lee sino a spingere alcuni a pensare che Brandon in verità sia stato vittima di assassini non meglio identificati, legati alla malavita (aneddoto che sembra pescato da uno dei film del padre, "Game of Death").

"Il Corvo" prende ispirazione dal fumetto omonimo di James O'Barr, pubblicato alla fine degli anni 80, intriso della cultura dark (post)industriale del decennio, segnato da toni cupi e citazioni musicali al rock confluito nella new wave, oscuro, sofferto e poco conciliante. Il regista Alex Proyas cattura tutti gli aspetti del fumetto e li amplifica in un riuscito concetto scenografico buio, opprimente, il preludio al successivo "Dark City" (1998), uno scenario urbano sepolto in una notte perenne, bagnato da una pioggia costante implacabile, da cui anche la battuta più celebre del film sussurrata da Eric Draven: "Non può piovere per sempre". I riferimenti alle atmosfere di "Blade Runner" paiono evidenti ma ancora di più a quelle presenti nel film del fratello del regista Ridley Scott, il prologo con il concerto dei Bahuaus in "Miriam si Sveglia a Mezzanotte" di Tony Scott potrebbe essere una sequenza de "Il Corvo", diretta da un regista (Proyas) che ha appena scoperto John Woo e invasato di musica rock alternative: la colonna sonora è a base di Cure, Helmet, Violent Femmes, Nine Inch Nails, Rollins Band (Henry Rollins si intravede anche come attore), ecc ma a dire il vero molti pezzi sono sacrificati in sottofondo.

 

Pubblicato in Recensioni

Tags: Action

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter