Cinemaz logo
  • Recensioni

Manuale d'Amore 3 - Le varie facce dell'eros

Film: Manuale d'amore 3

Terzo capitolo della fortunata serie di Giovanni Veronesi che continua a esplorare l'universo sentimentale. Nel cast Robert De Niro, Monica Bellucci, Riccardo Scamarcio, Valeria Solarino, Laura Chiatti, Carlo Verdone e Donatella Finocchiaro.

 

Giovanni Veronesi ha trovato una formula vincente con la serie di Manuale d'Amore e non a caso nel cast del terzo capitolo c'è addirfittura Robert De Niro che negli ultimi anni ha un po' mollato ma è pur sempre uno dei più grandi attori della storia. Tra l'altro, l'ultima volta che aveva lavorato con un regista italiano è stata con Sergio Leone in C'era una Volta in America, e non se mi spiego.

Fedele al titolo, il film di Veronese esplora, attraverso vari registri, le vare facce dell'amore in tre episodi, con un cast perfettamente funzionale allo script. Nel primo episodio, Riccardo Scamarcio è un giovane avvocato rampante che sta per sposarsi con Valeria Solarino ma per lavoro va in Toscana e si trova ad avere a che fare con un' irrestistibile castellana, Laura Chiatti, che gli manda per aria il matrimonio.

Poi c'è la storia del giornalista di tg Carlo Verdone, sposato con figli, che approfitta della lontananza della famiglia per farsi, pensa lui, una notte di sesso con Donatella Finocchiaro. Quello che non sa è che la ragazza è una squilibrata che lo ricatterà fino a distruggergli vita privata e carriera.

Film: Manuale d'amore 3

Il terzo episodio, il più pubblicizzato, è quello con Robert De Niro e Monica Bellucci. De Niro è un professore americano operato al cuore, vedovo e convinto che ormai per lui la stagione dell'amore sia chiusa. Si ricrederà, beato lui, incontrando la Bellucci, una spogliarellista, che gli farà capire che non è mai troppo tardi.

Attraverso i tre episodi, Veronesi fa un excursus generazionale sulle vicende amorose. Il triangolo Scamarcio-Solarino-Chiatti racconta i turbamenti progressivi dei trentenni, Verdone e la Finocchiaro spingono sul registro comico-grottesco, De Niro e la Bellucci - ma nell'episodio c'è pure Michele Placido, sulla differenza di età e sulle passioni dell'età avanzata.

Ovviamente il più divertente è l'episodio con Verdone, il più riuscito quello con i tre trentenni, il più intenso quello con De Niro, che si mette letteralmente a nudo (e si impegna anche in uno spogliarello) e parla in italiano.

Paolo Biamonte

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus