• Recensioni

Buried - Sepolto (2010)

Indice articoli

BuriedLa sfida dell'horror spagnolo "Buried": un solo attore rinchiuso dentro una bara per tutta la durata del film. Con protagonista Ryan Reynolds.

Paul Conroy si risveglia sepolto dentro una bara, per fronteggiare la disperata situazione ha con sé un accendino e un cellulare che possono rappresentare l'ultima speranza. Inizia una lunga corsa contro il tempo, Paul ricorda di essere stato catturato in Iraq dove lavorava come camionista ma non ha nessuna idea del luogo esatto in cui si trova. Solo una telefonata può salvarlo.

Costato "solo" 3 milioni di dollari il pompatissimo "Buried" arriva preceduto dai fasti del festival di Sundance e da critiche inneggianti al nuovo "cult", intanto in USA fallisce la prova del botteghino, inaspettatamente, dato che da quelle parti i film fatti e prodotti per stupire con meccanismi ad orologeria (come la serie dei "Saw") di solito vanno forte. Il regista spagnolo Cortes, altro testimone della vitalità della sua terra natia in ambito cinema fantastico (“Rec”, “The Orphanage”), riesce a farsi notare con un esercizio di stile classico, per usare un gioco di parole "telefonato" (in tutti i sensi!), che ha forse l'unico (?) pregio di avere un barlume di originalità in grado di apparire come un film quasi unico. Peccato che manchi l'ingrediente principale, la tensione, e venga a galla una presunzione d'intenti quasi ai limiti della superbia. Il nome a cui ci si vuole avvicinare è infatti, niente meno che, Sir Alfred Hitchcock, citato come riferimento anche dal protagonista Reynolds nelle interviste ma con tutta la buona volontà è dura ritenere l'obiettivo raggiunto.

I titoli di testa sono già un segno inequivocabile sul dove Cortes vuole andare a parare, una sorta di omaggio a quelli leggendari di Saul Bass, il graphic-designer utilizzato da Hitchcock per alcuni dei suoi capolavori ("La donna che visse due volte", "Psyco"), ma questi sono solo alcuni dei nomi scomodati a sproposito per "Buried", vengono nominati invano anche Edgard Allan Poe ("Le esequie premature"), Roger Corman ("Sepolto vivo", facile), e anche Fulci per "Paura nella città dei morti viventi" e di conseguenza Tarantino per "Kill Bill Vol.II" e la celebre sequenza della Sposa interrata. Cortes, prima di arrivare a certi livelli, ne ha ancora tanta di strada da fare.
"Buried" è costruito tutto dentro un'unica location, questo bisogna ammettere che è una scelta coraggiosa, una bara ripresa con meno angolazioni di quanto ci si possa aspettare, l'attenzione è tutta sul protagonista interpretato da Ryan Reynolds ("Blade Trinity", "Smokin'aces"), suo malgrado più conosciuto al momento per spupazzarsi Scarlett Johansson ("Iron Man 2"), sudato e insanguinato al punto giusto per una prova accettabile anche se minata dalla scarsa credibilità.

Pubblicato in Recensioni

Tags: Horror

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter