• Recensioni

Benvenuti al Sud - Così si ride dello scontro di civiltà

Film: Benvenuti al Sud

Claudio Bisio è il protagonista del remake di Giù al Nord, la commedia francese che l'anno scorso ha sbancato il botteghino giocando sui luoghi comuni tra Sud e Nord.

 

Benvenuti al Sud è il remake di Giù al Nord, la commedia francese di Dany Boon che l'anno scorso ha sbancato il botteghino. In questo caso è stato seguito un procedimento all'americana, con il film originale riadattato alla realtà italiana. E già perché per poter rimettere in piedi lo stesso meccanismo, qui da noi bisogna stabilire un percorso inverso: li si andava dal centro verso il Nord, qui dal Nord al Sud.

Troviamo quindi Alberto-Claudio Bisio che è un piccolo dirigente postale della bassa Brianza in attesa dell'agognato trasferimento a Milano. Ma all'ultimo momento il suo posto viene assegnato a un disabile. Alberto si finge disabile in modo maldestro, viene scoperto e per punizione, inviato in un piccolo paese del Cilento, in Campania. Un incubo per un lombardo come lui, cui si prepara comprando solo vestiti leggeri e perfino un giubbotto antiproiettile.

Film: Benvenuti al Sud

In tempi in cui il senatore e ministro Bossi traduce S.P.Q.R. con "sono porci questi romani" e alle sacrosante polemiche Radio Padania risponde mandando in onda dal vivo una canzone di un cantautore lumbard piena di insulti per romani e "terroni", non è necessario sottolineare l'attualità della tematica. C'è da dire che non si può non essere d'accordo con chi ha sottolineato che è un po' sorprendente che per ridere di questo scontro di civiltà (qualcuno ricorda Totò e Peppino a Milano?) forse non era necessario prendere a prestito un film dalla Francia.

Detto questo Benvenuti al Sud è godibile e divertente quanto l'originale, del quale vengono riproposte tutte le gag e il confronto tra i vari personaggi, con l'inevitabile contorno di fuochi d'artificio, mozzarelle di bufala, limoncello.

Non è un caso che l'adattamento sia firmato da Massimo Gaudioso, che è lo sceneggiatore di Gomorra.

Quanto alla regia di Luca Miniero, è sicuramente più attenta alle sfumature di quella di Dany Boon, mentre il sempre bravo Claudio Bisio e Alessandro Siani danno al film un tono più cabarettistico, con la complicità di Angela Finocchiaro.

Paolo Biamonte

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter