• Recensioni

Ong Bak 3 (2010)

Indice articoli

Film: Ong Bak 3

Il terzo capitolo della saga "Ong Bak" con protagonista la star Tony Jaa in una storia mistica ambientata nel passato.

 

Il ribelle Tien è imprigionato dalle guardie del despota Lord Rasajena che lo massacrano di botte frantumandogli le ossa, all'indomani dell'esecuzione Tien viene tratto in salvo da un decreto imperiale e trasportato nei pressi di un villaggio nella foresta. Il ragazzo viene protetto da un altro assalto e curato da un monaco e una ragazza, nel frattempo Lord Rasajena deve fare i conti con un temibile guerriero dai poteri magici, detto "il corvo", il quale ha preparato un piano per spodestarlo. Tien si ristabilisce ma nuovi pericoli incombono sulla gente che lo ha aiutato.

Il terzo "Ong Bak" inizia un istante dopo la conclusione (brusca) di "Ong Bak 2", rievocato nei titoli di testa con sequenze flash-back di combattimento, Tony Jaa ("Ong Bak", "The Protector") è l'arruffatissimo eroe Tien incatenato come un salame contro una masnada di guardie pronte a colpirlo, si inizia bene quindi con una bagarre di pura violenza visto che l'eroe riesce per un momento a districarsi per abbattere una serie di avversari, grande montaggio e riprese-stunning ravvicinate, prima di soccombere sotto una gragnola di colpi devastanti, non è finita visto che la tortura continua con lo schiacciamento delle articolazioni per mezzo d tronchi giganti(!). Il ritmo sembra quello del capitolo precedente invece "Ong Bak 3" prende una piega differente, scompare quasi del tutto la componente weird-freak di personaggi bizzarri e stili di lotta variegati, anzi i combattimenti latitano in maniera preoccupante anche per il semplice fatto che l'eroe è messo fuori causa per almeno metà della pellicola.

Tony Jaa, anche regista e sceneggiatore, forse in cerca di qualcosa di diverso gioca la carta del misticismo con spruzzate di magia (nera), viene dirottata l'attenzione anche sul despota Lord Rasajena che ha il suo bel daffare con una maledizione scatenata dalle sue malefatte per raggiungere il potere, non ultimo deve vedersela con uno strano ed eccezionale combattente che dice di avere la soluzione dei suoi problemi, si tratta del Corvo, nome dovuto al look dark e mantella nera del personaggio interpretato da Dan Chupong, il protagonista dei notevoli "Born to Fight" e "Dynamite Warrior", intravisto anche in "Ong Bak 2" nei confronti finali. Tien intanto è trasportato quasi cadavere in un villaggio dove viene curato da Pim, la ragazza al fianco dell'eroe già nel capitolo precedente, e da un monaco che come primo rimedio lo mummifica in un sudario di bende. In seguito la bella Pim comincia a tediare Tien con delle canzoni e balletti tradizionali, graziosi e delicati per carità, ma che portano via svariati minuti. Le cure funzionano, non si poteva dubitare, e Tien comincia a riprendersi, solo che ora l'uomo è diventato una specie di asceta con la barba che ama stare solo in mezzo alla foresta a compiere esercizi marziali infiniti, si perdono cosi almeno altri 20 minuti di "Ong Bak 3" intramezzati da pistolotti del monaco intorno al karma e il mondo delle ombre. Per smorzare i toni compare spesso e volentieri lo scemo del villaggio, ma non basta.

 

Pubblicato in Recensioni

Tags: Arti Marziali

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter