• Recensioni

Green Zone (2010)

Indice articoli

Un thriller di ambientazione bellica all'indomani dell'invasione americana a Bagdad nel 2003 per rovesciare il regime di Saddam.

Marzo 2003, le truppe statunitensi hanno occupato Bagdad e messo in fuga il dittatore Saddam Hussein. L'ufficiale Miller è a capo di una squadra impiegata per scovare le armi di distruzione di massa segnalate dall'intelligence, dopo avere ispezionato diversi siti però degli ordigni non vi è traccia. Mentre è in missione Miller viene avvicinato da un iracheno che gli segnala dei movimenti sospetti di uomini armati nei pressi di una villa, l'informazione si rivela fondata, la squadra di Miller irrompe in una riunione di alcuni fedeli di Saddam, tra i quali un importante generale che riesce a dileguarsi. Miller nel parapiglia dell'azione rinviene un taccuino pieno di indirizzi a cui tiene in particolare modo il governativo Poundstone, la più alta carica militare della Green Zone, che impone con la forza il recupero dello scottante reperto. Miller ha più di un sospetto sulla condotta del governo USA e inizia, fiancheggiato da un agente CIA, una pericolosa indagine sulla sporca guerra in corso.

Il regista Paul Greengrass e la star Matt Damon si ritrovano dopo la fruttuosa collaborazione negli ultimi due capitoli della serie "Jason Bourne", l'intenzione di coniugare la spettacolarità dei blockbuster con l'impegno politico dimostra l'ambizione di Greengrass, non nuovo a trattare temi scottanti come nei passati "Bloody Sunday" (2002), sui fatti di sangue del 30 gennaio 1972 in Irlanda del nord, e "United 93" (2006), sul tragico dirottamento di un aereo di linea nel fatidico 11 settembre 2001; quest'ultimo può essere visto come sorta di prequel di "Green Zone", il nuovo film in cui si raccontano (in parte) le rovinose ed enormi conseguenze dell'attentato terroristico che sconvolse il mondo. Lo spunto è un libro, "Imperial Life in the Emerald City" di Rajiv Chandrasekaran, lo scenario è quello tristemente noto della città di Badgad ridotta in ginocchio a seguito dell'occupazione americana, intenta in una "sporca guerra" paragonabile senza troppe difficoltà a quella del Vietnam. I film dedicati a questo inglorioso conflitto cominciano a ingrossare le fila, basti pensare al pluridecorato "The Hurt Locker" (2008) e "The Kingdom" (2008), mentre tutto tace sinora sull'altra guerra, in Afganistan, anche dal punto di vista mediatico.

Pubblicato in Recensioni

Tags: Action

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter