• Recensioni

Il Quarto Tipo (2009)

Film: Il quarto tipo

"Il Quarto Tipo" descrive in stile mockumentary l'invasione aliena di una piccola cittadina dell'Alaska, protagonista la bella Milla Jovovich.

 

La dottoressa Abigail Tyler racconta in un'intervista la sua drammatica esperienza paranormale avvenuta nella cittadina di Nome, Alaska. La donna ha perso il marito in circostanze mai del tutto chiarite, un trauma che ha segnato la vita dei suoi figli piccoli ma che non le impedisce di continuare la professione di psicologa. Abigail nota che alcuni suoi pazienti hanno disturbi comuni legati al sonno notturno, sono spaventati da qualcosa che non riescono a definire, tutti concordano nel dire di avere visto un gufo fissarli fuori dalla finestra. Altri avvenimenti strani si manifestano, e precipitano quando uno dei pazienti di Abigail da' fuori di matto commettendo una strage, la donna indaga e, anche grazie all'aiuto di alcuni colleghi comprensivi, scopre che delle entità misteriose incombono sugli abitanti di Nome.

Il modo migliore per affrontare la visione de "Il Quarto Tipo" sarebbe quello di avere meno informazioni possibili sulla trama e il metodo adottato dal regista Osunsanmi nell'esporla, si tratta in poche parole di un'indagine dal taglio documentaristico, arricchita dagli inserti fiction basati su avvenimenti "reali" interpretati dalla protagonista Milla Jovovich. E' chiaro, sin da subito, che é tutta un'abile montatura ma il gioco regge e il risultato é un bizzarro ibrido tra un mockumentary alla "The Blair Witch Project" (1999) e un temerario film di fantascienza di serie b con pochi soldi e tante idee. Il "quarto tipo" indica una tipologia circoscritta al mondo paranormale che si manifesta con il rapimento di uomini da parte di forme extraterrestri, un fenomeno meglio conosciuto con il termine inglese "abduction"( abduzione) di cui si hanno centinaia (!) di testimonianze dirette, in verità mai del tutto provate con certezza.

"Il Quarto Tipo" affonda nel mistero che ormai appassiona da decenni milioni di persone, almeno dai tempi dell'incidente di Roswell nel 1947, inerente l'esistenza degli alieni e prende di petto la faccenda con un'operazione di meta-cinema, ambientando la vicenda a Nome, una piccola cittadina dell'Alaska, in cui (si dice) è scomparso un numero consistente, e non giustificabile, di persone nel corso degli anni. A rafforzare questo alone misterico, che circonda la zona , nel film viene ripetuta l'informazione che l'FBI ha inviato centinaia di volte i suoi agenti sul posto. Siamo dentro a un "X-File" in piena regola. Il regista Osunsanmi, un solo horror ("The Cavern") di poco conto alle spalle, ci mette il suo bel faccione nel ruolo-intervistatore della vera (presunta tale) Abigail Tayler, una donna-fantasma, i due compaiono in video all'interno di uno studio tv nel corso di una testimonianza risalente ai primi anni 2000.

 

Pubblicato in Recensioni

Tags: Fantascienza, Fantasy

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter