• Recensioni

La fuga di Logan (1976)

Indice articoli

Film: La fuga di Logan

Una produzione MGM anni 70 ambientata in una società del futuro che prevede il termine della vita al 30° anno di età.

 

 

 Anno 2274, un olocausto nucleare costringe gli uomini sopravvissuti a trovare riparo nel sottosuolo dove viene instaurata una nuova società tecnologica basata sull'edonismo e il benessere, giunti al 30° anno di età gli abitanti si devono sottoporre al rito del "carousel", una cerimonia al termine della quale si viene "rinnovati". Alcuni dissidenti credono che il rito sia un inganno mortale e cercano una via che li porti verso la superficie, sulle loro tracce ci sono i sorveglianti, il corpo speciale creato per eliminare coloro che si rifiutano di seguire le regole. Tra i sorveglianti compare anche Logan 5, un efficente agente della sicurezza che un giorno entra in contatto con la bella ribelle Jessica 6.

Il trascorrere del tempo è ingeneroso con numerosi film di fantascienza, "La fuga di Logan" rientra nella categoria e perde il confronto tecnico con altre opere dello stesso periodo (basti pensare al primo "Guerre Stellari", uscito solo un anno dopo), i grossi capitali della MGM non riescono a nascondere l'approssimazione degli scenari panoramici della città sotteranea riprodotti con miniature, mentre alcuni accorgimenti come il fuoco delle pistole laser dei sorveglianti (in originale Sandmen) o il design del robot Box sono senza rimedio ridicoli. La pellicola mantiene invece il suo fascino nel descrivere una società inquietante molto simile a quella della realtà, nel solco della migliore fantascienza vengono anticipate situazioni che nei decenni successivi si sono avverate con puntualità come il ricorso massificato verso la chirurgia estetica per ringiovanire, una pratica banale ai giorni nostri.

Tratto dal romanzo omonimo scritto da William Francis Nolan e George Clayton Johnson "La fuga di Logan" ruota sui temi universali che da sempre accompagnano l'umanità: la paura di invecchiare e il rifiuto della morte. A differenza del libro, che indica il 21° anno come l'ultimo dell'esistenza permessa nella società utopistica, nel film l'età viene alzata, anche per esigenze pratiche di cast, ai 30 anni. L'ambientazione ricavata per evocare una città sotteranea ricorda le enormi hall di certi centri commerciali con scale mobili comprese, la popolazione è composta da giovani di bell'aspetto nati all'interno di un "vivaio" in cui viene impiantata una pietra nel palmo della mano che cambia di colore nell'avanzamento dell'età, chi si avvicina ai 30 anni possiede il colore nero. E' una società oppressiva che mantiene il potere con l'inganno, gli abitanti della città ignorano il funzionamento della tecnologia e credono che il rito del "carousel" sia un passaggio verso un altra vita, una delle sequenze più affascinanti si trova all'inizio del film e riguarda una cerimonia dai forti connotati esoterici con la disposizione degli iniziati incappuciati, come i membri di una setta impegnata in una preghiera blasfema, compaiono anche degli effetti ottici che riproducono una luce misteriosa brillante capace di attirare verso l'alto gli uomini con una lenta levitazione sino a un' esplosione corporea (mortale). Non tutti sono disposti a sottoporsi al rito, diversi sono i ribelli che credono nell'esistenza del "Santuario", un luogo situato fuori dalla città sotteranea che rappresenta la salvezza. Il personaggio di Logan 5 deve avere ispirato il Cleric interpretato da Christian Bale in "Equilibrium" (2002), il valido Michael York che lo impersona è anch'egli un agente al servizio del potere dominante con pochi scrupoli nell'attuare le punizioni previste per i ribelli, l'incontro tramite una sorta di social-network-teletrasporto (!) con la bella Jessica 6 , l'attrice Jenny Agutter ("Un lupo americano a Londra"), gli svela una nuova realtà e lo convince a tentare la fuga verso la superficie.

 

Pubblicato in Recensioni

Tags: Fantascienza, Fantasy

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter