• Recensioni

La Doppia Ora (2009)

Indice articoli

La Doppia OraUn thriller italiano dai sussulti soprannaturali diretto dall'esordiente Giuseppe Capotondi accolto con favore all'ultimo festival di Venezia.

 Torino. Sonia ,una cameriera straniera, e Guido, un ex-poliziotto, si incontrano in un locale per cuori solitari. Tra i due sembra nascere un amore tenero spezzato dall'arrivo di una banda di ladri nella villa custodita da Guido, una pallottola vagante uccide l'uomo gettando nella disperazione Sonia. La ragazza continua la triste vita di sempre ma strani fenomeni le dicono che Guido non è morto e la osserva.

Meglio smorzare gli entusiasmi eccessivi intorno a "La doppia ora", appena un film italiano ha una confezione decente dalla vaga patina internazionale ecco gridare al miracolo, purtroppo l'esordio di Capotondi si regge su una sola idea( buona) ma dal fiato corto mentre prosegue il malcelato orientamento di certo cinema di casa nostra (per es. "La ragazza del lago") restio a "sporcarsi" le mani con i generi puri: difficile definire "La doppia ora", un thriller?, un horror? si opta nella maggior parte dei casi nel bollarlo come giallo a tinte melodrammatiche. Tutto questo per dire che siamo di fronte a un ibrido che alla fine non soddisfa appieno chi è in cerca di emozioni forti che qui appaiono riciclate con scaltrezza.

Nella desolante offerta thriller-horror nostrana degli ultimi anni "La doppia ora" ha vita facile, si tratta dell'esordio di Giuseppe Capotondi giunto dagli ormai obbligatori videoclip musicali e spot pubblicitari, il prologo è uno dei momenti migliori e lascia di stucco per la glaciale banalità in cui viene descritta la disperazione di una donna chiusa in una stanza d'albergo, subito dopo la pellicola si adagia sul mood pre-definito della depressione e squallore sociale assortito (raggelante il locale per single a tempo, nella realtà si spera non cosi triste) senza troppi sussulti a parte la fatidica pallottola nel corso di una rapina. Da quel frangente in avanti "La doppia ora" si trasforma in una ghost-story insolita che provoca un paio di salti sulla sedia, non per meriti particolari di regia ma per un uso truffaldino del dolby surround che nell'intrigante scena della vasca da bagno viene sparato a tutto volume. Il sonoro è un elemento ricorrente nella vicenda, la canzone "In Between Days" dei Cure (un gruppo di "allegroni" notoriamente) si propaga come un tormentone per Sonia che lega il pezzo alla figura di Guido, quest'ultimo invece in una sequenza cruciale utilizza un microfono direzionale per sentire un dialogo a distanza.

Pubblicato in Recensioni

Tags: Horror

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter