• Recensioni

Furia cieca (1989)

Film: Furia CiecaL'esordio hollywoodiano del regista australiano Noyce è una rivisitazione in chiave moderna del personaggio giapponese Zatoichi, lo spadaccino cieco. Rutger Hauer nel suo primo e unico film d'arti marziali.

Nick Parker (Rutger Hauer) è un soldato americano dato per disperso nella guerra del Vietnam. L'uomo è ancora vivo anche se cieco dopo lo scoppio di una granata; grazie alle cure e agli insegnamenti della gente di un villaggio locale riesce a sviluppare una tecnica in grado di percepire i suoni e i movimenti che lo circondano e a divenire un abile spadaccino. Passano diversi anni e Nick decide di tornare a casa per incontrare Frank, il suo indimenticato commilitone che ora naviga in cattive acque minacciato da un'organizzazione criminale che non esita a usare la violenza contro la sua famiglia. Nick arriva in aiuto del piccolo Billy, il figlio di Frank, preso di mira dai killer comandati da un boss malavitoso invischiato in un giro di droga.

Forse è una casualità ma nello stesso anno (1989) in cui Shintaro Katsu interpreta per l'ultima volta il personaggio che lo ha reso celebre, Zatoichi, nel film omonimo giapponese da lui anche diretto, dall'altra parte dell'oceano esce "Furia cieca", un omaggio alle gesta dello spadaccino cieco in versione occidentale. Il regista australiano Philippe Noyce segue le orme di alcuni suoi illustri connazionali come Peter Weir ("Pic nic ad Hanging Rock") e George Miller ("Interceptor il guerriero dela strada") e approda in America, dopo il successo del thriller-horror "Ore 10 calma piatta"( 1989), un film che ha anche il merito di avere fatto da trampolino di lancio per Nicole Kidman.

"Furia cieca" è un film sbilanciato nei territori puri del cinema di serie-b che avrebbe potuto compromettere la carriera di chiunque, Noyce invece diviene in seguito un apprezzato autore di pellicole di grosso successo come "Giochi di potere" (1992), "Sotto il segno del pericolo" (1994), "Il collezionista di ossa" (2002), ecc. Il film sin da subito si presenta come improbabile mix di ironia e violenza, indeciso sulla direzione da prendere alternando momenti altamente drammatici (Nick ferito in Vietnam, l'esecuzione della moglie di Frank, ecc.) ad altri assolutamente comici se non demenziali (la sequenza di Nick che guida un'autovettura).

Pubblicato in Recensioni

Tags: Arti Marziali

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter