• Recensioni

Outpost (2008) di S. Barker

Film: OutpostDebutto horror di tutto rispetto per l'inglese Steve Barker che racconta l'avventura di un manipolo di soldati alle prese con nazisti-zombi ritornanti.

Europa dell'est, in un'imprecisata zona di guerra. Un misterioso uomo d'affari assolda un gruppo di mercenari, guidati da DC ([[Ray Stevenson]]), per raggiungere all'interno di una foresta un bunker abbandonato della seconda guerra mondiale. La postazione militare in realtà era adibita dai nazisti per esperimenti atroci sugli uomini, attuati con strani macchinari, al fine di creare super-soldati. Quella che sembra una missione di routine si trasforma per gli uomini di DC in un incubo quando scoprono che strane presenze si manifestano con istinti omicidi.

Nella sua orrenda e, per certi versi, incredibile parabola il nazismo esercita ancora un fascino perverso in quanto simbolo estremo dell'incarnazione del male puro, difficilmente superabile per crudeltà ed efficenza. Anche iconograficamente il pensiero della razza ariana è riuscito ad imporsi con forza e semplicità (si pensi alla svastica), se non addirittura con una certa e terrificante eleganza nel portamento dei suoi uomini: stupende nella loro malvagità le divise delle SS.

Partendo da questa attrazione visivo-iconica il cinema ha riprodotto spesso e volentieri la raffigurazione dei nazisti, si parla più che altro di film di guerra ("[[Dove osano le aquile]]", 1968) o avventurosi ("[[I predatori dell'arca perduta]]", 1981), ma anche di veri e propri drammi urbani ("[[Il maratoneta]]", "[[L'allievo]]", ecc.). Nel genere horror non si contano le apparizioni dei nazisti che si presentano sia come persone reali, si pensi ai francesi "[[I fiumi di porpora 2]]" (2000) e "[[Frontieres]]" (2007), ma molto più frequentemente come entità fantastiche a partire dal piccolo classico del sotto-filone, "[[L'occhio nel triangolo]]" (1977), sino ad arrivare a opere come "[[Hellboy]]" (2004) ed al recente "Outpost".

La pellicola di Steve Barker prosegue la tradizione dei "war-horror" inglesi, dopo "The Bunker" (2001) e "Deathwatch" (2006), inscenando un clima claustrofobico all'interno dei sotterranei del bunker che diventano presto un luogo in balia di forze incontrollabili, causate dagli esperimenti condotti dai nazisti nel secondo conflitto mondiale. A riguardo di quest'ultimo punto viene scoperto dai protagonisti un filmato d'epoca girato in bianco e nero, delirante e fanatico proclama della superiorità nazista ormai pronta a creare il soldato immortale e invincibile. Il personaggio di Hunt ([[Julian Wadham]], "L'esorcista la genesi"), il civile che ha finanziato la missione, ricorda molto da vicino il personaggio di Sam Neil in "[[Punto di non ritorno]]" (1997), ma il film di Anderson viene citato anche per la presenza di uno strano macchinario fantascientifico nel quale sembra celarsi la chiave del mistero, e per l'incombenza del male proveniente da altre dimensioni.

La minaccia per DC e i suoi uomini sono dei soldati nazisti putridi come zombi, capeggiati da un cadaverico (in tutti i sensi) ufficiale delle SS, che agiscono come fantasmi materializzandosi e scomparendo negli ambienti del bunker, nella sequenza in esterni dell'attacco del plotone nazista è evidente l'omaggio alle atmosfere di "The Fog" di John Carpenter. I nazi-zombi sono concepiti con un ottimo make up, nascosto il più delle volte dalla fotografia tenebrosa con l'intento di renderli ancora più ostili.

Sono comunque diversi i riferimenti ad altre opere, infatti si può riconoscere l'influenza di "Predator" (1987) per la composizione dei mercenari, tra i quali spiccano le figure di DC, un granitico Ray Stevenson (novello Frank Castle in "Punisher War Zone"), e il soldato Prior interpretato dal grande caratterista Richard Brake ("Hannibal Rising", "Doom") che ha una faccia da brutto, sporco e cattivo che non si dimentica.

"Outpost" non ha beneficiato di grandi mezzi ma il set che ritrae la postazione sotterranea è stato completamente ricostruito in un teatro di posa, ideato per ricreare le sensazioni tipiche dei famosi videogiochi survival-horror "Resident Evil/Silent Hill". Steve Barker è alla prima esperienza su un lungometraggio e non cade in esagerazioni o colpi ad effetto, lascia scorrere la prima mezzora di pellicola senza troppi sussulti prima di cominciare a riprendere una serie di uccisioni piuttosto efferate ai danni delle vittime, circondate da assassini-zombi impalpabili come nell'indimenticato slasher "Scarecrows"(1988). Il finale è piuttosto ordinario ma una volta tanto non guasta affatto. Il mix nazisti e horror sembra avere preso piede visto che è in arrivo dalla Norvegia un altro film a base di nazi-zombi: "Dead Snow".

Titolo Originale: "Outpost"
Paese: Inghilterra

Rating: 7/10

 

Pubblicato in Recensioni

Tags: Horror

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter