• Recensioni

Changeling - Ridatemi il mio bambino

Film: Changeling Clint Eastwood dirige la storia vera di una madre che dopo la scomparsa del figlio di nove anni si vede restituire dalla polizia di Los Angeles un altro bambino e che viene rinchiusa in manicomio per aver denunciato la faccenda. Con Angelina Jolie, John Malkovich, Jason Butler Harner.

E' difficile non provare ammirazione (e anche un po' di sana invidia) per Clint Eastwood, uno che a 78 anni è in piena attività e continua a girare da regista alcuni dei migliori film in circolazione.
L'idea di Changeling gli è stata suggerita da un amico che lo ha avvertito che alcuni documenti della polizia stavano per essere distrutti perché era scaduto il tempo per cui era obbligatorio conservarli. Tra questi c'era il dossier sulla terribile vicenda di Christine Collins, avvenuta nel 1928. Il film è dunque basato su una storia tragicamente vera, precisamente quella di una donna che viveva sola con i figlio di nove anni, Walter. Un giorno il bambino scompare. Poco tempo dopo la polizia di Los Angeles annuncia il rtirovamento ma Christine non riconosce il bambino, così come non lo riconoscono la maestra e i suoi compagni di scuola. Ciononostante, e nonostante il fatto che le radiografie dentali non coincidano, la donna viene considerata malata di mente, rinchiusa in un manicomio e sottoposta a un trattamento durissimo, elettroshock compreso.

Film: Changeling

L'unica colpa della Collins è aver ostacolato un'operazione con cui la polizia di Los Angeles sotto attacco per corruzione e scorrettezza, tentava di ripulirsi l'immagine.
Nella sua battaglia la donna trova come alleati soltanto un religioso che predica alla radio e un poliziotto che è un maverick, un solitario che fa corsa a se come Dirty Harry Callaghan, che tra poco Clint riporterà sullo schermo.
Con lo stile asciutto dell'allievo di Don Siegel, Eastwood racconta questa storia senza cercare il colpo a effetto. Quello che gli interessa, lui Repubblicano convinto, è descrivere la lotta dell'individuo contro l'arroganza del potere, i traumi dell'infanzia (ricordate Mystic River?), la barbara violenza della pena di morte, denunciata attraverso la sconvolgente esecuzione di uno spaventoso serial killer.
Questa è la storia di un'amministrazione che, diretta dal vertice, mente, imbroglia le carte, tortura, estrae false confessioni per proteggere la sua immagine. Non è difficile vedere un parallelo con la Casa Bianca di George W. Bush.
Tutto il cast recita molto bene: è brava Angelina Jolie a immedesimarsi nella sventurata Christine Collins, è ovviamente bravissimo John Malkovich nel ruolo del predicatore ed è bravissimo Jason Butler Harner a dare vita al serial killer Gordon Northcott, un mostro la cui ferocia è figlia di un'infanzia tragica.

Paolo Biamonte

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter