Cinemaz logo
  • Recensioni

Sfida senza regole - Finalmente insieme

Film: Sfida senza regole Dopo essersi sfiorati nel Padrino parte II e aver diviso 10 minuti in [[Heat]] 13 anni fa, [[Robert DeNiro]] e [[Al Pacino]] recitano insieme in un thriller diretto da [[Jon Avnet]], il regista di [[Pomodori verdi fritti]].

Per decenni vedere Robert DeNiro e Al Pacino recitare nello stesso film è stato il sogno degli appassionati di cinema. Se ne [[Il Padrino parte II]] si erano sfiorati, la prima volta nella stessa scena l'avevano vissuta 13 anni fa in Heat di [[Michael Mann]], dove i due stanno seduti a un tavolo uno di fronte all'altro per 10 minuti. Jon Avnet, regista che non è mai riuscito a uguagliare i risultati ottenuti con l'esordio felice di Pomodori verdi fritti, è riuscito nell'impresa di fargli recitare un intero film in coppia. Nessuno si illude che a far decidere le due icone del cinema americano degli ultimi 30 anni non siano state l'età (Pacino ha 68 anni, DeNiro 65, abbastanza per mettere da parte una storica rivalità) e un momento non proprio sfavillante della carriera.

Sfida senza regole vive essenzialmente dell'appeal irresistibile che un dream team del genere suscita al di là di ogni considerazione. Saggiamente la super coppia viene messa al lavoro in un poliziesco, per giunta ambientato nella Little Italy di New York, dove si svolge una storia in cui il confine tra bene e male e buoni e cattivi è labilissimo. Che è come dire il palcoscenico sul quale Pacino e DeNiro hanno costruito la loro leggenda.

Film: Sfida senza regole

In Sfida senza regole i due sono Turk (DeNiro) e Rooster (Pacino) due poliziotti, sull'orlo della pensione, che lavorano in coppia da una vita. In città c'è un serial killer che ammazza delinquenti e lascia sui cadaveri dei versi poetici. Turk e Rooster si mettono sulle sue tracce, in aperta concorrenza con due colleghi più giovani Riley ([[Donnie Wahlberg]]) e Perez (John Leguizamo) che ha una storia con Karen Corelli (Carla Giugno), un'agente del CSI fidanzata con Turk, sesso dipendente e amante di pratiche erotiche fuori ordinanza. Il capo, il tenente Hingis ([[Brian Dennehy]]), spinge affinché l'indagine si chiuda il prima possibile perché sospetta che il killer vendicatore sia un poliziotto. Purtroppo, nonostante i tentativi di depistaggio, qualunque spettatore un po' accorto è in grado di trovare la risposta molto prima che il film offra il suo presunto colpo di scena finale.

La verità è che Sfida senza regole è essenzialmente la messa in scena della lezione sul mestiere d'attore tenuta da DeNiro e Pacino. Un film che non offre molti spunti se non il fatto che Turk sia diviso tra il suo dovere di poliziotto e il suo dichiarato sostegno per l'azione di un killer che toglie di mezzo delle carogne e le ovvie comsiderazioni sul degrado metropolitano e il confornto tra le generazioni. Che molto tempo sia passato dagli anni dei capolavori lo si vede in modo impietoso nel fisico appesantito di DeNiro e nel dedalo di rughe del volto di Pacino. Avergli affidato degli inseguimenti a piedi non sembra la migliore idea possibile. Sfida senza regole è costruito sul dialogo tra i due protagonisti che negli scambi verbali possono mettere in mostra il loro straordinario virtuosismo espressivo. Ma non riesce a regalarci neanche una di quelle memorabili battute che sono entrate nella storia e nel nostro linguaggio proprio grazie ai personaggi di DeNiro e Pacino.
Paolo Biamonte

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus