• Recensioni

E venne il giorno - Il futuro è come una pianta velenosa

Film: E venne il giornoIl nuovo film di M. Night Shyamalan, il regista del Sesto Senso, è un horror-thriller catastrofico-ambientalista ispirato da film come La notte dei morti viventi, L'invasione degli ultracorpi e La cosa da un altro mondo e che rende omaggio a Hitchcock e Kurosawa. Nel cast Mark Wahlberg e John Leguizamo.

Per riprendere il filo di una carriera che rischiava l'appannamento, M. Night Shyamalan, il regista del Sesto Senso, ha girato un horror-thriller catastrofico-ambientalista che, ispirandosi direttamente alla fantascienza e all'horror degli Anni '50 e '60 e a film come La notte dei morti viventi, L'invasione degli Ultracorpi e La cosa da un altro mondo, racconta le paure e la paranoia della società contemporanea.

 

E venne il giorno

 

E venne il giorno, nella sale italiane dal 12 giugno, è la storia della ribellione delle piante che liberano nell'aria una tossina che induce nell'uomo un incontrollabile istinto al suicidio. Una coppia, in piena crisi matrimoniale, decide di mettersi in viaggio insieme a una bambina, figlia di amici, per sfuggire all'apocalittica epidemia che rischia di annientare l'intero genere umano. E' ovvio che il fulcro del film è nelle reazioni che la paura di questo attacco suscita nella gente, nel modo in cui i rapporti, anche i più intimi, possono essere devastati dalla paranoia. Non è difficile leggere questa vicenda come un grido d'allarme sull'America del post 11 settembre ma anche sullo stato di salute del nostro pianeta e sul futuro che attende i nostri figli e nipoti. Shyamalan ha spiegato che la paura per il futuro è il tema base di ogni suo film e che ha scelto di ispirarsi a classici come La notte dei morti viventi, L'invasione degli ultracorpi e La cosa da un altro mondo proprio in quanto esempi di opere che hanno utilizzato la fantascienza e l'horror per affrontare temi importanti, esattamente come oggi hanno fatto Io sono leggenda e Cloverfield. E venne il giorno è un prodotto girato per suscitare paura: eppure è tutto girato alla luce del sole e all'aperto con una tecnica di inquadratura, per stessa ammissione del regista figlia di Hitchcock, Kurosawa e, soprattutto, Kubrick, che induce disagio nello spettatore che percepisce cosa spaventa veramente Shyamalan: non tanto l'attacco alieno o i mostri, quanto la trasformazione subita in situazioni di pericolo dalle persone. La cosa piu' spaventosa che ci puo' accadere, a mio avviso, e' osservare chi amiamo comportarsi in maniera strana e incomprensibile, pronunciare parole senza senso e commettere azioni che non ci aspetteremmo mai da loro. La lezione e' chiarissima. Nel cast Mark Wahlberg e John Leguizamo.
Paolo Biamonte

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter