• Recensioni

Alla ricerca dell'isola di Nim. Un libro per amico

Alla ricerca dell'isola di Nim
Jodie Foster, in un insolito ruolo comico, Abigal Breslin (Little Miss Sunshine) e Gerard Butler in un film sull'amicizia tra una bambina che non ha paura di niente e una scrittrice piena di fobie ambientato su un'isola dei mari del Sud.

Nim
è una meraviglia di bambina come solo Abigal Breslin, la protagonista di Little Miss Sunshine, che vive su un'isola-paradiso perduto dei mari del Sud. Insieme a lei c'è solo il papà, visto che la mamma è sparita in fondo all'oceano. Nim passa gran parte del tempo da sola, visto che il padre, Gerard Butler, dedica praticamente tutta la sua vita a studiare il plancton e similia. A fare compagnia alla bambina ci sono un'otaria, un iguana e un pellicano, e i libri di avventure di Alex Rover, che hanno per protagonista una sorta di via di mezzo tra Crocodile Dundee e Indiana Jones. Un giorno il papà è disperso in una tempesta e così Nim, per chiedere aiuto, scrive una mail al suo scrittore preferito. Non sa che a scrivere quelle avventure è una donna, agorafobica, ipocondriaca e terrorizzata dal mondo, Jodie Foster, che però decide di andare sull'isola in soccorso della sua fedelissima, piccola, lettrice. Questi sono, in sintesi, la trama e l'idea di base di Alla ricerca dell'isola di Nim, un film realizzato dalla stessa produzione delle Cronache di Narnia e Il ponte su Terabithia, che mescola cinema per ragazzi e slapstick e scommette su un cast con la più adorabile e talentuosa delle attrice bambine, Abigail Breslin, la più ricercata delle nuove star maschili, Gerard Butler, e una delle attrici più importanti del cinema americano, l'ex bambina prodigio Jodie Foster, in un ruolo da commedia comica. Ispirato al romanzo di Wendy Orr, Alla ricerca dell'isola di Nim è la storia di tre solitudini - quella di Nim, di suo padre Jack e di Alex - che superano mari e monti per trovarsi e dissolversi, al termine di un viaggio che prima che geografico è tutto interiore, ma non per questo meno disseminato di insidie. La più grave delle quali è rappresentata dai turisti in crociera. Il contrasto tra la bambina che non ha paura di niente ma ha bisogno del libri di Alex Rover per sognare e la scrittrice che invece ha paura di tutto e supera il suo stallo creativo e va alla scoperta del mondo grazie alla bambina funziona. Tanto da diventare un apologo sull'amicizia che può essere forgiata attraverso i libri.
Paolo Biamonte

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter