Cinemaz logo
  • Recensioni

Brutti e Cattivi

Brutti e Cattivi - Recensione

Arriva la comicità grottesca di Brutti e Cattivi

Una scorrettissima dark comedy con un cast superlativo nel quale spicca lo strepitoso Claudio Santamaria ...

Guarda subito il trailer di Brutti e Cattivi

Gli sgangherati protagonisti di Brutti e Cattivi sono il Papero, la Ballerina, il Merda e Plissé.

Alla disperata ricerca del riscatto sociale, si improvvisano rapinatori per il colpo che cambierà la loro vita. Non importa se il primo è senza gambe, Ballerina, la sua bellissima moglie, non ha le braccia, se Merda è un rasta tossico e Plissé un nano rapper. Sono solo dettagli. Per loro non ci sono ostacoli, solo sogni. Dopo il colpo però le cose si complicano: ogni componente dell'improbabile banda sembra avere un piano tutto suo per tenersi il malloppo. Tutti fregano tutti senza nessuna pietà in una girandola di inseguimenti, cruente vendette, esecuzioni sanguinose e tradimenti incrociati.

Brutti e Cattivi segna l'esordio alla regia di Cosimo Gomez, dopo una carriera ultra ventennale come scenografo e direttore artistico al servizio di alcuni dei più grandi registi italiani.

Il cast di Brutti e Cattivi è straordinario e risulta chiarissimo fin dalle prime sequenze l'immenso lavoro che i protagonisti hanno fatto su se' stessi per impersonare questa accozzaglia di reietti.

Brutti e Cattivi - Claudio Santamaria e Sara Serraiocco

Claudio Santamaria conferma il suo smisurato talento dando vita a un trucidissimo Papero, senza gambe, pettinato con un orribile riporto e capace di battute folgoranti che spesso sono frutto della sua brillante capacità di improvvisare. Lo stesso vale per Marco D'Amore e il suo infame Merda, soprannome piuttosto evocativo degli effluvi che emanano dal suo corpo e che nasconde il vero nome decisamente paradossale: Giorgio Armani.
Sara Serraiocco, la bellissima Ballerina senza braccia, ha lasciato di stucco la produzione fin dal primo incontro, presentandosi al provino già perfettamente in grado di truccarsi, fumare e scrivere il proprio nome con i piedi.

Brutti e Cattivi è un prodotto confezionato con molta cura, a metà strada tra uno splatter movie, in cui scorrono fiumi di sangue e un cartoon decisamente noir, che presenta un concetto di disabilità piuttosto originale: i "diversamente ladri". In nessun momento si cerca di suscitare pietà o empatia verso la condizione dei protagonisti, che in realtà viene abbondantemente trascesa grazie al loro essere criminali orrendamente cinici, spietati e pericolosi.

E' un'opera prima coraggiosa che racconta con feroce ironia un'umanità storta, bistrattata e grottesca, confinata ai margini della società.

E risulta difficile pensare che il film non sia un omaggio (persino nel titolo) a Brutti, Sporchi e Cattivi, il capolavoro del 1976 di Ettore Scola con un magnifico Nino Manfredi nel ruolo del Guercio, despota delle periferie romane più miserabili.

Da vedere.

Prenota ora il tuo biglietto per Brutti e Cattivi

 

Pubblicato in Recensioni

Tags: Ettore Scola, Nino Manfredi, Claudio Santamaria, Sara Serraiocco, Brutti e Cattivi, Marco D'Amore, Cosimo Gomez

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus