• Recensioni

Il Petroliere - La follia dell'oro nero

petroliere
Daniel Day-Lewis è lo strepitoso protagonista di questo film di Paul Thomas Anderson, il regista di Magnolia, che racconta la corsa verso la ricchezza e la pazzia di un sociopatico e misogino.

Il petroliere è un film epico ed estremo. È la storia di un sociopatico che ricorda il Citizen Kane di Orson Welles ma che si muove nell'America a cavallo tra l'800 e il '900 in un periodo in cui le grandi fortune si accumulavano sul sangue, il coraggio, il cinismo, il talento e la violenza. Paul Thomas Anderson, che è stato assistente di Altman ed è il regista di Magnolia, si è ispirato alla prima parte di Oil! (Petrolio) il romanzo scritto nel 1927 da Upton Sinclair sulla figura del magnate Edward L. Doheny. Il petroliere è un film spettacolare ma non commerciale, duro, spietato, con un cast tutto al maschile dove su tutti spicca la strepitosa interpretazione di Daniel Day-Lewis nei panni di Daniel Plainview, un cercatore di oro e argento che alla fine dell'800 compra per pochi soldi un terreno dove c'è il petrolio. Fin dall'inizio Anderson stabilisce un legame profondamente metaforico tra gli uomini e la terra, vista come un elemento da sfidare, che nasconde la ricchezza nelle sue viscere. E per ottenere quella ricchezza ci vuole coraggio. Daniel Plainview vede i soldi come un mezzo per non avere rapporti con il prossimo: ripudia il figlio che diventa sordo per un incidente sul lavoro e sfida le grandi compagnie petrolifere che si macchiano di crimini. Non è un caso che il titolo originale sia There will be Blood (Ci sarà sangue). Il petroliere non è solo la storia di un uomo che sfrutta la terra per diventare ricco fino a essere travolto dalla brama del possesso e diventare pazzo. Parallela scorre la vicenda del figlio del proprietario del primo terreno comprato da Plainview, che diventa un predicatore e utilizza il suo talento oratorio per estrarre denaro dai fedeli creduloni. Destinati a lasciare un segno i primi 15 minuti del film, praticamente senza dialogo, sequenze fatte di corpi e petrolio, dove l'essere umano non è altro che un elemento fisico come l'oro nero che rende ricchi i potenti e stritola la vita e le membra degli operai. Il finale lascia lo spettatore a bocca aperta. Non c'è dubbio che alla riuscita del film e alla costruzione di un'atmosfera febbrile contribuisca in modo determinante la musica elettro-sinfonica di Johnny Greenwood, chitarrista dei Radiohead.
Paolo Biamonte 

 

Pubblicato in Recensioni

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004
Il servizio di prevendita e prenotazione di Cinemaz.com utilizza il sistema di biglietteria SIAE Point Break
Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter