Cinemaz logo

Shining: curiosità horror

Mentre il pubblico di Sanremo ironizzava sulla somiglianza di Emma Marrone con le due gemelline di Shining, il film per la regia di Stanley Kubrick andava in onda su Iris.




Tutti coloro che hanno scelto di non seguire il Festival hanno potuto optare per l'horror psicologico che ha sconvolto generazioni.
Shining è noto non solo per i contenuti, ma anche per i retroscena e il lavoro maniacale di Stanley Kubrick sul set e durante la preparazione.

È noto l'aneddoto secondo il quale Stephen King, autore della romanzo a cui il film è ispirato, sia stato contattato dalla regista di 2001 Odissea nello Spazio di mattina all'alba, per comunicargli la sua volontà di dare vita a una versione cinematografica del libro.

Se la prima volta Stephen King rimase felicemente colpito dalla telefonata, presto gli passò l'entusiasmo, visto che, a quanto pare, Stanley Kubrick prese il vizio di chiamarlo in piena notte per porgli domande del genere "tu credi in Dio?", interrompendo il sonno dello scrittore.

I contenuti orrorifici hanno inoltre condizionato molto attori, cast e location.

Innanzitutto, per il ruolo del bimbo figlio di Jack, Kubrick avrebbe voluto il protagonista di Incontri ravvicinati del terzo tipo.
I coscienziosi genitori del minore hanno rifiutato una volta appresa la vicenda narrata e - dopo aver valutato circa 5000 bambini per la pellicola - la scelta è ricaduta su Danny Lloyd.

Danny Lloyd, inoltre, fino a 13 anni non sapeva di cosa trattasse il film, la cui visione (censurata) gli fu consentita solo verso la maggiore età.

In un set abitato dal terrore, Kubrick si concentrò particolarmente sul sangue nell'ascensore, sul quale si accanì per ottenere un risultato verosimile e, per far entrare gli attori nel giusto "mood", li sottopose alla visione di Eraserhead, Rosemary's Baby e L'esorcista.

by funweek.it/cinema

 

Pubblicato in VideoNews

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Questo sito utilizza i cookie per funzionare correttamente, per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il proprio traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Proseguendo nella navigazione avrai dato il tuo consenso.