Cinemaz logo

In vendita il palazzo di Colazione da Tiffany

Per qualcuno abitare tra le quattro mura che un tempo ospitarono Audrey Hepburn – o meglio il suo personaggio in Colazione da Tiffany – sarebbe indubbiamente un sogno.





Un sogno che ora potrebbe essere realizzato, purché si possiedano e si sia disposti a sborsare 8 milioni di dollari.

È questo il prezzo del palazzo dell'Upper East Side di Manhattan, usato come location per il celebre film del 1961 e attualmente sul mercato: una cifra decisamente alta, per la quale si ottengono 4 camere da letto, cinque bagni, vari camini e una piccola chicca, vale a dire una serra. E ancora mobili di lusso, un cortile dietro la casa e tanta privacy.

Insomma, l'edificio non necessita di presentazioni, sebbene sia opportuno specificare che nella pellicola fu ripresa solo la facciata, mentre gli interni dell'abitazione erano in realtà un set allestito da tutt'altra parte, in uno studio.

Nel 2012, la casa fu venduta all'attuale proprietario da Peter Bacanovic, l'ex broker della Merrill Lynch che ha scontato una pena di 5 mesi in prigione per l'accusa di insider trading (aiutò Martha Stewart nel 2004): all'epoca Bacanovic ottenne 5.850.000 di dollari, un bel guadagno considerando che nel 2000 acquistò l'immobile per appena 1.880.000 dollari.

L'edificio è stato costruito nel 1910 e, da allora, è stato soggetto a due ristrutturazioni: una verso la metà degli anni '80 e una negli anni '90: in entrambi i casi si è deciso tuttavia di non modificare l'aspetto esteriore del palazzo, rimasto praticamente identico a come lo si vede nel film.

by funweek.it/cinema

 

Pubblicato in VideoNews

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Questo sito utilizza i cookie per funzionare correttamente, per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il proprio traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Proseguendo nella navigazione avrai dato il tuo consenso.