Cinemaz logo

 

 

Le Origini del Male: la vera storia dell'esperimento

Chi ha già avuto modo di vedere Le Origini del Male avrà notato sia nei titoli iniziali che in quelli di coda il riferimento a fatti realmente accaduti.

 

 

Del resto, è stata ampiamente pubblicizzata l'origine 'reale' della pellicola, che narra la storia di un gruppo di studenti di Oxford, capitanati dal professor Coupland, intenti a condurre esperimenti sulla giovane Jane Harper, allo scopo di dimostrare le cause di strani fenomeni paranormali.

Ma cosa c'è di effettivamente vero nella storia di Coupland e della sua crew?

Partiamo dalla trama: il film si ispira alla storia di un gruppo di parapsicologi canadesi che, negli anni '70, condussero un esperimento per creare un fantasma. Più nello specifico, gli scienziati volevano dimostrare che la mente umana può essere influenzata e generare fenomeni paranormali.

Ci troviamo dunque a Toronto e non a Oxford e il gruppo, a capo del quale c'era l'esperto di poltergeist Alan Robert George Owen, contava 8 persone, tra cui anche la moglie di Owen, che era il vero 'comandante' dell'operazione.

Solo uno di loro era uno studente, per cui possiamo dire che tutti i personaggi del film (escluso probabilmente il professore) sono di pura invenzione. Anche il personaggio di Jane Harper è interamente inventato: il cosiddetto Philip Experiment – partito a tutti gli effetti nel 1972 - non coinvolgeva infatti nessuna 'cavia', ma partiva dal presupposto di 'portare in vita' un fantasma, che il gruppo chiamò Philip Aylesford e per il quale gli studiosi crearono addirittura una biografia e un ritratto.

Lo scopo dell'esperimento, che - dobbiamo ammetterlo - partiva da presupposti quasi assurdi, era quello di immergere i ricercatori nella vita di questo fantasma immaginario tanto da provocarne la manifestazione reale. In poche parole, si voleva dimostrare l'esistenza dei fantasmi, come frutto però della mente umana e non di processi esterni. Iniziarono così sedute spiritiche, all'inizio un po' fallimentari e poi – sostengono gli studiosi – sempre di maggior successo, tanto da arrivare a mostrare le 'manifestazioni' di Philip davanti a 50 persone.

Esistono filmati reali di questo esperimento, registrati dal gruppo negli anni '70 e che oggi vengono considerati poco credibili. È bastata tuttavia la base della storia del gruppo di Toronto per ispirare il regista John Pogue che, alla luce degli eventi reali, ha inventato molto e preso molto poco dai fatti nudi e crudi. Basti pensare che persino le foto vintage che scorrono alla fine del film sono false e immortalano attori calatisi nei panni dei personaggi che hanno ispirato il film.

È abbastanza chiaro, quindi, che c'è veramente poco di vero ne 'Le origini del male' e che si sia voluta cavalcare un po' l'onda - sempre di successo - della base reale della storia. Del resto, così è molto più suggestiva, non vi pare?

 

by funweek.it/cinema

 

Ti potrebbe interessare anche:

 

 

MemoCinema

MemoCinemaTi ricordi la trama di un film ma non conosci il titolo? Prova MemoCinema, il sito che ti aiuta a ritrovare i film dimenticati.

Browser Suggeriti

browser chrome browser firefox browser safari

Google Plus

Cinemaz: film, cinema, prenotazioni e prevendite biglietti | Informativa sulla Privacy | powered by Tix Production | p.iva IT08230901004 | Android is a trademark of Google Inc.. | App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.. iPad, iPhone e iPod sono marchi registrati di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Seguici su Google+ Seguici su Facebook Seguici su Twitter SSL Certificate